Tag Archives: vittorino

I santi del giorno del 5 settembre

5 Set

ALBERTINO
monaco nel monastero di Fonte Avellana, sul monte Catria, in provincia di Pesaro, morto nel 1294.

ALBERTO di Butrio
fondatore e abate dell’abbazia benedettina di Butrio, nella diocesi di Tortona, morto nel 1073. Questa abbazia, che raggiunse il massimo splendore nel 15° secolo, è stata soppressa nel 19°.

ARCONZIO di Capua martire di Capua, assieme a Quinzio.

BERTINO di Sithieu
nato a Coutances, nel nord della Francia. Fondò il monastero di Sithieu, presso la città di Saint-Omer, del quale divenne abate e che in seguito venne chiamato di Saint-Bertin. Morì tra il 697 e il 704.

DONATO di Capua martire assieme ad Arconzio e Quinzio

DULIA di Toledo vergine martire in Spagna,chiamata anche Obdulia.

ERCOLE o ERCOLANO
nella “Depositio martyrum” è nominato assieme ad Aconzio, Nonno e Taurino, martiri a Porto nei dintorni di Roma. Nel Martirologio romano è menzionato da solo, ucciso nel 252 sotto l’imperatore Gallo I. Alla fine del 9° secolo, papa Formoso fece trasportare le reliquie sull’isola Tiberina, che apparteneva alla diocesi di Porto Romano.

FERREOLO e FERRUCCIO
sacerdote e diacono, martiri verso il 211 a Besancon, nella Francia sud-orientale, dove erano stati inviati da Ireneo vescovo di Lione, a predicare il Vangelo tra i Sequani, antica tribù della Gallia celtica. Furono atrocemente martirizzati per ordine di Claudio, prefetto della provincia, sotto l’imperatore Caracalla. Il loro culto, specialmente in Francia, è molto diffuso fin dal 6° secolo.

GENTILE da Matelica
missionario francescano, nato ad Ancona nella prima metà del 14° secolo. Predicatore zelante ed eloquente, svolse il suo apostolato in Egitto, Persia Asia Minore, e Armenia. Martirizzato dai Saraceni, le reliquie sono state trasferite a Venezia, dal doge Marco Cornaro, nella Chiesa dei Frari.

GIORDANO abate martire in Puglia, nel 12° secolo.

LORENZO Giustiniani
nato il 1° luglio 1381 a Venezia, da una nobile famiglia, ebbe un’ottima educazione. Dedicatosi a vita ascetica, venne ordinato sacerdote e nel 1404 fondò la Congregazione dei Canonici Regolari di San Giorgio in Alga, della quale divenne priore e poi generale nel 1424. Dal 1434, vescovo di Castello, antica diocesi sull’isola di Rialto, dopo la soppressione di questa, nel 1451 Niccolò V lo creò 1° Patriarca di Venezia. Restaurò la vita del clero e delle religiose, favorì una più intensa vita liturgica, celebrò un sinodo e svolse una grande attività caritativa. Ha lasciato preziosi scritti di spiritualità e notevoli Sermoni. Morto l’8 gennaio 1455, beatificato da Clemente VII nel 1524, è stato canonizzato nel 1690 da Alessandro VIII.

QUINZIO di Capua martire assieme ad Arconzio e Donato.

ROMOLO di Cividale martire nel Friuli.

TERESA di Calcutta
nata il 27 agosto 1910, a Uskub, oggi Skopje in Macedonia, figlia di Nicola Bojaxhiu facoltoso commerciante cattolico laureato in farmacia. Battezzata Agnese, in famiglia era però chiamata “Gonxha”, che significa “bocciolo”. A 12 anni sentì la prima chiamata vocazionale, ma solo a 18 si decise al grande passo, entrando nella Congregazione di Nostra Signora di Loreto che aveva una missione nel Bengala, a Darjeeling, cittadina posta alle pendici dell’Himalaya  Qui nel 1929 vestì l’abito religioso prendendo il nome di Teresa, per devozione a S. Teresa di Lisieux. Nel 1946, durante un viaggio in treno per recarsi agli esercizi spirituali, fu molto colpita dalle condizioni di assoluta miseria delle popolazioni indiane e decise di dedicarsi totalmente al servizio dei poveri. All’inizio ebbe molte difficoltà, sopratutto dalla sua stessa congregazione, ma 4 anni dopo, quando aveva già radunato una decina di consorelle, ottenne l’approvazione vaticana per la nuova congregazione: le “Missionarie della Carità”, per sfamare i poveri “non di solo pane, ma di amore”. Da quel momento la sua opera non si arrestò più e dilagò non solo in India ma anche nel mondo intero e il 17 ottobre 1979, ricevette a Oslo il premio Nobel per la pace. Madre Teresa non stava mai ferma affaticandosi nell’assistenza e nei vari viaggi e nel 1996 il suo cuore nel 1996 cominciò a cedere. Nonostante un estremo intervento di angioplastica alle coronarie, madre Teresa si è spenta nella Casa Generalizia della Congregazione, a Calcutta, il 5 settembre 1997. Un anno dopo i solenni funerali di stato, è stata avviata la causa di beatificazione per “virtù eroiche”, che si è conclusa a tempo di record, il 24 settembre 2002, quando la Congregazione dei Santi ha dato parere favorevole alla canonizzazione, riconoscendo come miracolosa la guarigione di una giovane indiana di 32 anni, Monika Besra, sofferente di una grave forma tumorale nella regione pelvica. Non potendo essere operata perché il male era molto esteso, venne accolta in una delle case delle Missionarie della Carità e la sera del 5 settembre 1999, 2° anniversario del “dies natalis” di madre Teresa, le religiose le posero sull’addome una delle medagliette che la Madre dava a tutti. Al ritorno dalla preghiera, trovarono la paziente alzata che camminava e questa guarigione è stata accertata come improvvisa e duratura. Il 19 ottobre 2003 è stata solennemente beatificata in San Pietro da Giovanni Paolo II, davanti a una immensa folla di fedeli provenienti da tutto il mondo.

VITTORINO di Roma vescovo di Roma detto popolarmente san RINO.

I santi del giorno del 7 luglio

7 Lug

APOLLONIO
4° vescovo di Brescia, vissuto nella prima metà del 4° secolo. Le sue spoglie sono conservate, assieme a quelle di san Filastrio, in un’arca nel Duomo Nuovo di Brescia.

BENEDETTO XI papa
Niccolò Boccasini, nato a Treviso nel 1240. Nel 1286, eletto Provinciale dell’Ordine Domenicano, nel 1296 ne fu nominato Generale e due anni dopo cardinale-vescovo di Ostia, da Bonifacio VIII, che lo inviò Legato pontificio in Ungheria. Eletto al pontificato il 22 ottobre 1303, assolse i cardinali Pietro e Giacomo Colonna, ma senza offrire loro nuovi incarichi, scomunicò invece Guglielmo di Nogaret, Sciarra Colonna e tutti gli altri responsabili dello “schiaffo” di Anagni al suo predecessore. Cercò invano di pacificare Firenze e fece appello al mondo cristiano per una crociata. Solo per qualche tempo risiedette a Roma, dominata dai Colonna e morì, colpito da una violenta dissenteria, o forse da un avvelenamento a Perugia, dove si era trasferito da tempo, il 7 luglio del 1304. Un cronista del tempo, Giovanni Villani racconta: “ stando egli a mensa a mangiare, gli venne uno giovane velato vestito di femmina con uno bacino d’argento, iv’entro molti belli fichi fiori, offerti da badessa devota, che egli ne mangiò assai senza farne saggio, onde incontanente cadde malato, et in pochi dì dopo moriò”. La morte sarebbe stata causata da polvere di diamanti iniettata nei fichi e anche se lo storico Ferdinando Gregorovius sostiene che si tratta di un’invenzione, non ci sono però motivi concreti per escludere la responsabilità di quelli che aveva scomunicato un mese prima. Sepolto nella chiesa di San Domenico e poi beatificato da Clemente XII nel 1736, è il solo papa del tempo di Dante, sul quale il poeta non abbia pronunciato giudizi negativi.

CASTORIO
pagano convertito da san Sebastiano, martire a Roma assieme a Claudio, Nicostrato, Sinforiano e Vittorino, nel 288.

CLAUDIO discepolo di san Sebastiano, martire a Roma, nel 3° secolo.

EDDA o EDDO vescovo sassone, morto in Gran Bretagna nel 705.

GIOCONDA di Nola martire assieme a Giulia.

LUCIANO di Durazzo
fuggito dalla Macedonia(v) assieme ad altri cristiani italiani durante una feroce persecuzione, venne scoperto, catturato e gettato in mare a Durazzo (oggi Durres), in Albania verso il 177, assieme a Pompeo.

NICOSTRATO discepolo di Sebastiano di Narbonne, martire a Roma.

PANTENO di Alessandria
nato in Sicilia nel 140, martire ad Alessandria d’Egitto, verso il 210, durante la persecuzione di Settimio Severo. Filosofo stoico e apologista, convertitosi al cristianesimo, dopo un viaggio missionario, forse in Arabia, nel 180 fondò la scuola catechetica di Alessandria, diventandone il direttore, ed ebbe come discepolo Clemente Alessandrino, che fu poi il suo successore. Predicò il Vangelo anche in Etiopia e senza un valido fondamento storico, gli è stata attribuita la Lettera a Diogneto e proclamato dottore della Chiesa.

POMPEO di Durazzo
martire di Durazzo, l‘antica Dyrrachium, oggi Durres, Albania.

RODOLFO Milner
laico sposato, martire nel 16° secolo, canonizzato da Paolo VI il 25 ottobre 1970.

VILLIBALDO di Eichstàtt
nato in Gran Bretagna nel 700, figlio del re Riccardo del Wessex, parente e collaboratore di Bonifacio apostolo della Germania. Evangelizzò la Baviera e la Franconia germanica, nella quale fu nominato 1° vescovo della città di Eichstàtt, dove morì nel 787.

VITTORINO
martire di Roma, convertito da san Sebastiano.

I santi del giorno del 8 giugno

8 Giu

ARMANDO di Zierikzee
nato verso la metà del 15° secolo sull’isola di Schouwen, Mare del Nord in Olanda. Entrato nell’Ordine Francescano studiò greco ed ebraico, divenendo ottimo scrittore e, secondo i contemporanei, “profondo conoscitore della Sacra Scrittura e buon parlatore”. Ministro provinciale francescano a Colonia dal 1503 al 1506, anno in cui fu costretto a lasciare la carica per le forti opposizioni incontrate all’interno della congregazione. Andò allora a Lovanio, in Belgio, passando in una comunità dell’Osservanza. Negli ultimi anni di vita fu afflitto da penose malattie che lo costrinsero a dettare gli ultimi scritti a un confratello. Morì a Lovanio nel 1524 e alcune sue opere furono pubblicate postume 10 anni dopo. La data della sua festa all’8 giugno è quella indicata nel Martirologio Francescano.

CLODOLFO di Metz vescovo.

DOLCELINO di Alomes
predicatore francese nato nei pressi di Arles, vissuto nel 5° secolo. Le sue reliquie sono conservate ad Alomes, in Francia.

GENESIA di Chieri
martire a Chieri, in provincia di Torino.

GUGLIELMO di York
figlio del conte Erberto e di Emma, sorella del re d’Inghilterra, Stefano di Blois. Nel 1144 venne chiamato alla sede vescovile di York, ma subì infinite persecuzioni, peraltro sopportate cristianamente. Canonizzato da Niccolò III, nel 1280.

MASSIMINO di Provenza
una leggenda dell’11° secolo lo dice uno dei 72 discepoli di Gesù che, approdato alle foce del Rodano, insieme con Lazzaro, Maria e Marta, evangelizzò la Provenza, divenendo poi vescovo di Aix-en-Provence. Il suo nome però non compare negli antichi martirologi, per cui forse si tratta di un santo locale, vissuto nel 4° secolo. Da lui prende il nome la città di Saint-Maximin. In alcuni luoghi è chiamato anche 

MEDARDO di Noyon
nato verso il 470 a Vermandois, nella Francia del nord. Dopo il 530 venne nominato vescovo di Saint Quentin, città francese sulla Somme, ma poi trasferì la sede vescovile a Noyon, unendola alla diocesi di Tournai, città belga sul confine con la Francia. Morto nel 560 circa, re Clotario I fece subito trasportare le sue spoglie nel possedimento reale di Crouy, presso Soissons, dove più tardi sorse una celebre abbazia a lui intitolata. In Francia, il nome di questo santo è legato a molti detti popolari, perché la tradizione gli ha attribuito diversi miracoli e una benefica influenza sull’andamento dei raccolti. Alcune raffigurazioni lo mostrano sorridente con la bocca aperta, perché dopo la morte si incominciò a invocare la sua protezione contro il mal di denti.

MELANIA seniore
nata a Roma nel 342, da una famiglia aristocratica di origine spagnola. A 22 anni rimase vedova e sentendosi attratta dalla vita religiosa, affidò la figlia a un orfanotrofio e partì per un pellegrinaggio a Gerusalemme, dove fondò un monastero sul Monte degli Ulivi. Tornò a Roma dopo 35 anni e visse per un po’ di tempo con la nipote Melania juniore, ma poi ritornò al suo monastero, dove morì nel 410.

PACIFICO Ramati
detto “di Cerano”, nato a Novara nel 1424. Ordinato sacerdote francescano, divenne un predicatore molto popolare, tanto che Sisto IV lo inviò in Sardegna per indire una crociata contro i Turchi e qui rimase poi, eletto Provinciale dell’Ordine. È morto a Sassari nel 1482, lasciando un pregevole manuale per i confessori chiamato, la “Somma Pacifica”.

POLIO vescovo.

SALLUSTIANO confessore della fede, martire in Sardegna.

SIRA della Cirenaica vergine martire del 2° secolo.

VITTORINO vescovo di Assisi.

I santi del giorno del 15 maggio

15 Mag

ACHILLE di Larissa
vescovo della Tessaglia, antica regione della Grecia, morto nel 330.

ARIBERTO di Tortona  vescovo martire.

BENVENUTO di Recanati beato morto nel 1289

CASSIO martire in Francia nel 266, con Massimo e Vittorino.

CECILIO  vescovo spagnolo.

DIMPNA o DIMFNA
vergine martire a Gheel, presso Anversa nel 600. Figlia di un re pagano dell’Irlanda, che aveva concepito per lei una passione incestuosa fuggì per le erotiche persecuzioni del padre rifugiandosi in un monastero del Brabante, ma venne scoperta e decapitata dal padre stesso. In Belgio è chiamata la miracolosa patrona dei pazzi. Attorno alla chiesa costruita sul suo sepolcro, sorse il villaggio di Gheel, nel quale si pratica tuttora l’assistenza e la cura degli alienati.

DIONISIA
martire del 251, nell’Ellesponto, assieme ad Andrea, Paolo e Pietro.

ELLERO santo.

ESICHIO di Gibilterra soldato martire nel 1° secolo.

EUSEBIO Chini
Eusebio Francesco, detto Kino, nato nell’agosto 1645 a Segno, Val di Non, provincia di Trento. Nel 1665 entrò nella Compagnia di Gesù, studiò filosofia e teologia all’Università di Ingolstadt, in Germania e in previsione delle missioni alle quali aspirava, studiò anche scienze matematiche e astronomiche. Il 12 giugno 1678 partì missionario per il Messico ma, trattenuto in Spagna da vari contrattempi, sbarcò in America solo nel giugno di tre anni dopo. Adottò da allora il nome KINO e per circa trent’anni fu missionario, organizzatore, esploratore e cartografo. Scoprì Rio Grande, esplorò la Sierra Gigante e la bassa California, allora erroneamente ritenuta un’isola. Cavalcatore di straordinaria resistenza, visitò frequentemente sia le tribù messicane, come quelle di tutto il territorio fino alla California, facendo costruire molte chiese e “missiones”. Quando aveva gia sessant’anni, venne incaricato dell’organizzazione temporale di tutte le missioni della regione della Pimeria (attualmente Messico e Arizona), alle quali aveva dedicato il suo zelante apostolato fin dal 1687. È morto il 15 maggio 1711 a Santa Madgalena, Messico, durante la dedicazione della chiesa da lui costruita. Dai molti scritti si possono avere notizie che contribuiscono in modo notevole alla conoscenza della storia e geografia dell’America coloniale e dal suo diario, Tercera entrada en 21 de deciembre 1683, anche varie conoscenze sulla civiltà delle tribù indiane.

ISIDORO l’agricoltore
chiamato anche DORO, nato a Madrid nel 1070, in una poverissima famiglia che lasciò molto presto per guadagnarsi da vivere lavorando nei campi come dipendente di un contadino. Raro esempio di pietà e carità cristiana, ebbe il dono dei miracoli e ne operò molti sia in vita che dopo la morte. Anche sua moglie, Maria Toribia, è venerata in Spagna con il nome di “Santa Maria de la Cabeza”. Morì il 15 maggio 1130 e venne canonizzato da Gregorio XV, nel 1622.

ISIDORO di Chio
martire originario di Chio, isola dell’Egeo. Le reliquie sono conservate in una cappella intitolata a lui, nella basilica di San Marco a Venezia.

MONALDO di Ancona
abate bavarese, detto “di Ancona”, morto nel 1286.

NICOLA I
detto “il Mistico”, vescovo vissuto nel 10° secolo.

PRIMIANO di Larino
vescovo greco del 4° secolo, venerato ad Ancona e in Abruzzo, compatrono di Larino in provincia di Campobasso. La cripta del 9° secolo della Cattedrale di Spoleto(Santa Maria Assunta), è intitolata a San Primiano.

RUPERTO
santo di Bingen presso Magonza, in Germania, vissuto nel 9° secolo.

SEVERINO di Settempeda
dopo avere distribuito ai poveri le grandi ricchezze ereditate dalla famiglia, si fece eremita insieme con il fratello Vittorino. Papa Vigilio, nella primavera del 545, lo nominò 1° vescovo di Settempeda, oggi San Severino Marche. Morto nel 550, le reliquie sono oggi conservate nel Duomo vecchio della città che, secondo una tradizione storiografica, sorge sul luogo nel quale gli abitanti, fuggiti dopo il saccheggio ad opera di Totila, portarono su di un carro trainato da buoi le spoglie del loro vescovo, erigendo una chiesetta.

SOFIA di Roma
giovane martire sotto Diocleziano nel 305. Le reliquie si trovano nella chiesa romana di San Martino ai Monti.

TORQUATO di Cadice
vescovo di Guadix (Cadice), dove morì martire. Erroneamente considerato uno dei primi 7 diaconi nominati dagli Apostoli, è stato comunque un evangelizzatore della Spagna nel 1° secolo.

VITTORINO
martire in Francia nel 266, assieme a Cassio e Massimo. Uno dei patroni della città di L’Aquila.

VITTORINO di Camerino
eremita assieme al fratello Severino, nel 545 il pontefice Vigilio lo nominò vescovo di Camerino, in provincia di Macerata.

I santi del giorno del 15 aprile

15 Apr

ANASTASIA
martire assieme a Basilissa sotto Nerone, ricordata nel Martirologio Romano.

ANNIBALE martire di Auxerre sul fiume Yonne, in Francia

BASILISSA moglie di Giuliano l’Ospitaliere, martire nel 4° secolo

CESARE de’Bus ricordato anche il 15 Marzo

DAMIANO de’Veuster
Giuseppe de’Veuster nato il 3 gennaio 1840, a Tremelo, in Belgio. All’età di vent’anni entrò tra i Padri dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, a Lovanio, prendendo il nome di Damiano e tre anni dopo chiese e ottenne di essere inviato missionario nelle Hawaii, dove il 21 maggio 1864 venne ordinato sacerdote nella capitale, Honolulu. Dopo aver lavorato per nove anni all’evangelizzazione, chiese di entrare nel lebbrosario di Molokai, dove arrivò il 10 maggio 1873 e spese tutto il resto della vita a curare gli ammalati. Nonostante nel 1885 si fosse ammalato anche lui, continuò nel servizio tra i lebbrosi fino alla morte, il 15 aprile 1889. È stato beatificato da Giovanni Paolo II, il 4 giugno 1995.

ELMO beato.

LEONIDA di Atene vescovo di Atene, martire.

MARONE di Ferentino martire in provincia di Frosinone, con Vittorino ed Eutiche.

MASSIMO di Persia martire.

OLIMPIA santa martire senza notizie storiche sicure.

PATERNO di Poitiers
monaco e poi vescovo di Avranches, in Normandia, morto nel 565, sepolto a Scismy, nella baia di Mont-Saint-Michel.

PRISCO di Avellino eremita, patrono di Mirabella, in provincia di Avellino

VERONICA martire in Mesopotamia.

VERONICA di Antiochia martire.

VITTORINO di Roma martire assieme a Marone, nel 2° secolo.

I santi del giorno del 25 febbraio

25 Feb

BONELLO santo vissuto nel 7° secolo.

CESARIO di Nazianzo
nato nel 330, figlio di Gregorio il Vecchio, studiò geometria e astronomia. Conseguita la laurea in medicina, esercitò la professione presso la corte di Costantinopoli. Divenne amministratore della Bitinia, dove si convertì al cristianesimo in seguito all’emozione provata durante un terremoto nel 368. Morto l’anno successivo, lasciando per testamento tutti i suoi beni ai poveri, è conosciuto  anche per l’elogio funebre che di lui fece il fratello Gregorio.

CLAUDIANO martire con Dioscoro, Niceforo, Serapione e Vittorino.

COSTANTE santo di Fabriano, morto nel 1481.

COSTANZA di Vercelli
sorella del vescovo di Vercelli, Costanzo, visse in preghiera e umiltà in un monastero, nel 6° secolo.

DIEGO di Canicattì
martire in Sicilia dopo il 250. Sepolto a Tiche nelle catacombe di Vigna Cassia, presso Siracusa.

DIOSCORO  martire con Claudiano, Niceforo, Serapione e Vittorino.

DONATO di Zara vescovo di Zara, martire in Africa assieme a Giusto.

EUSTAZIO di Aosta 1° vescovo della città.

GERLANDO di Agrigento
nato a Besancon (Francia). Nel 1088 il gran conte Ruggero I Altavilla lo nominò vescovo di Girgenti (dal 1927 Agrigento), venendo poi consacrato da Urbano II nel 1098. Si occupò della riorganizzazione della comunità cristiana la quale, dopo il lungo dominio musulmano era ridotta a pochissimi fedeli dispersi. In breve tempo riuscì però a ricostruire la casa episcopale, la cattedrale e fortificare il castello. Morto il 25 febbraio 1101, i suoi successori traslarono più volte le reliquie. 

GIUSTO martire in Africa con Donato, vescovo di Zara.

NICEFORO martire assieme a Claudiano, Dioscoro, Serapione e Vittorino.

SERAPIONE martire assieme a Dioscoro, Claudiano, Niceforo e Vittorino.

TARASIO di Costantinopoli
nato verso il 730, figlio del prefetto di Costantinopoli, venne eletto Patriarca per volere dell’imperatrice Irene. Fu confermato dal papa Adriano I che, nel 787, lo inviò a dirigere il 2° Concilio di Nicea. È morto nell’806.

VALPURGA di Eichstàtt o VALBURGA
nata nel 710 nel Sussex, in Gran Bretagna e morta nel 779, in Germania. Figlia di Riccardo re del Wessex e sorella dei santi Villibaldo e Vunibaldo, nel 761 divenne badessa del monastero di Heidenheim, in Germania, succedendo al fratello Vunibaldo e fu così di molto aiuto a san Bonifacio nell’evangelizzazione. Nell’871 le sue reliquie furono traslate a Eichstàtt, dove venne fondata l’abbazia di Santa Valpurga e la tomba nella chiesa di Santa Croce divenne meta incessante di pellegrinaggi, perchè dalle pietre sgorgava periodicamente, da ottobre a febbraio, un liquido ritenuto miracoloso, chiamato “l’olio di santa Valpurga”. Santificata per volere dei fedeli, in suo onore vennero fissate due festività, il 25 febbraio, presunta data della morte, che dal fervore popolare fu associato ad antiche leggende folkloristiche germaniche sul ritorno della primavera e il 1° maggio, giorno della traslazione, nella notte della cui vigilia si svolgeva il sabba delle streghe.

VANDA o WANDA leggendaria principessa polacca, vissuta nell’8° secolo.

VITTORINO martire con Claudiano, Dioscoro, Niceforo e Serapione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: