Tag Archives: successo

I santi del giorno del 16 aprile

16 Apr

BENEDETTO Labre
Benedetto Giuseppe Labre, nato il 26 marzo 1748, ad Amettes, in Francia. Appassionato delle cose di chiesa, desiderò diventare sacerdote, ma i suoi tentativi di studio furono un fallimento. Provò a entrare in un convento ma non riuscì a resistere alla disciplina e non avendo così potuto prendere gli ordini religiosi, andò girovagando tra santuari e monasteri di tutta Europa, come pellegrino penitente e mendicante, conducendo una vita di estrema mortificazione, divenuta leggendaria. Ebbe visioni ed esperienze mistiche e visse sempre in completa povertà vestito di stracci e deriso dalla gente. Si stabilì infine a Roma nel 1774, dormendo in un angolo del Colosseo. Morì il 16 aprile del 1783 e subito sulla sua tomba arrivarono molti pellegrini e ci furono anche molte guarigioni ritenute miracolose.

BERNADETTE Soubirous
Marie-Bernarde, nata Lourdes il 7 gennaio 1844. Figlia di un mugnaio povero, aveva solo 14 anni, quando in una grotta presso Massabielle le apparve, tra l’11 febbraio e il 16 luglio 1858, per diciotto volte, una figura di donna, giovane e bella, che le rivolse la parola. Il 25 di febbraio, quando già molte persone andavano con lei nella speranza di assistere all’apparizione di questa misteriosa Signora o per pura curiosità, su invito dell’apparizione, scavò con le mani nella terra circostante, facendo così scaturire una sorgente che si ingrossò rapidamente e le sue acque rivelarono fin dal giorno seguente i loro effetti miracolosi, restituendo l’uso della vista a un minatore che se ne era bagnato gli occhi. Il mese successivo l’apparizione si manifestò come l’Immacolata Concezione. Dopo varie inchieste protrattesi per più di 4 anni, ordinate dal locale vescovo Laurence, furono riconosciute autentiche, cioé che a Bernadetta era veramente apparsa Maria Vergine e la zona della grotta fu subito acquistata dalla Chiesa che vi fece costruire un santuario. Nel 1866 la giovane è poi entrata nell’Ordine delle Suore della Carità di Nevers, dove è morta il 16 aprile 1879 a 35 anni. È stata canonizzata nel 1933 da Pio XI.

CALLISTO di Corinto  martire in Grecia, assieme a CARISIO.

CONTARDO pellegrino
appartenente forse alla famiglia degli Estensi, si dedicò ad opere di pietà. È morto nel 1249 a Broni, in provincia di Pavia, mentre stava andando in pellegrinaggio a Santiago de Compostela.

DROGONE di Valenciennes
nato nel 1102, eremita fiammingo di Valenciennes, città francese situata vicino al confine con il Belgio. Dopo aver donato tutti i suoi beni, compì alcuni pellegrinaggi a Roma e terminò la sua vita nel 1189 a Sebourg, dove era stato pastore.

EVENZIO di Saragozza martire a Saragozza nel 304 circa, assieme a 15 compagni tra i quali GIULIA, LAMBERTO, MARZIALE, OTTATO, PRIMITIVO, PUBLIO, QUINTILIANO, SUCCESSO 

FRUTTUOSO di Braga
spagnolo, discendente di una nobile famiglia visigota, fondò molti monasteri dalle regole rigide guadagnandosi il nome di “padre del monachesimo di Spagna”. Anche dopo l’elezione ad arcivescovo di Braga nel 656, non rinunciò alla vita monastica. Morì nel 665.

GIOACCHINO Piccolomini da Siena,
dell’Ordine dei Servi di Maria, morto nel 1303.

GUGLIELMO Gnoffi santo morto nel 1318.

LANDONE papa o LANDO,
figlio di un conte lombardo di nome Taino o Raino della Sabina. Pontefice per soli sei mesi, successore di Anastasio III, dal luglio 913 al febbraio 914.

TURIBIO di Astorga
di origine torinese, vescovo di Astorga, nella regione di Leon, in Spagna, nel 5° secolo.

I santi del giorno del 19 gennaio

19 Gen

ABBONDANZA di Spoleto 
figlia di Esuperio e Sigismonda, fu affidata all’abate Maiolo nel monastero di San Marco, perchè ne curasse l’educazione. A 22 anni, accompagnata dalla madre, seguì l’abate in un pellegrinaggio in Terrasanta, durato 5 anni. Tornata in città, quando morì suo padre, impiegò l’eredità per aiutare i poveri e nella costruzione della chiesa di San Gregorio. È sepolta nella cattedrale di Spoleto e si narra che sulla sua tomba siano avvenuti molti miracoli.

ANDREA Grego  
nato a Peschiera del Garda nel 1400. Frate domenicano, nel convento di San Marco a Firenze, venne inviato in Valtellina, dove predicò per 45 anni e fondò un convento a Morbegno, nel quale morì nel 1485. Chiamato l’Apostolo della Valtellina, il suo culto è stato approvato da Pio VII, nel 1820.

BASSIANO di Lodi
o BASSANO, nato a Siracusa nel 320 figlio del prefetto romano della città. Dopo aver studiato a Roma fu ordinato sacerdote a Ravenna ed è il primo vescovo storicamente documentato di Laus Pompeia, l’antico nome di Lodi, dal 373 al 409. Partecipò al Concilio di Aquileia del settembre 381 e a quello di Milano del 390. Amico di sant’Ambrogio, lo assistè nelle ultime ore di vita terrena. A sei chilometri da Lodi, ai margini dell’abitato di Lodi Vecchio, l’antica Laus Pompeia rasa al suolo dal Barbarossa, sorge una cattedrale dedicata ai Dodici Apostoli, chiamata Basilica di San Bassiano, consacrata nel 378, proprio dal vescovo Bassiano assieme al confratello Ambrogio.

BEATRICE II d’Este   
nata verso il 1230, figlia di Azzo VII d’Este e di Giovanna di Puglia. Andata sposa a Galeazzo Manfredo, signore di Vicenza, dopo la morte del marito, nel 1254, entrò nel monastero benedettino di Santo Stefano della Rotta a Ferrara. Morta il 18 gennaio 1262, fu sepolta a Padova nella chiesa romanica di Santa Sofia, mentre ora le reliquie sono conservate nel Duomo d’Este.

CANUTO IV di Danimarca
detto il Santo, re di Danimarca, nato nel 1040, figlio di Sven II, al quale successe nel 1080. Profondamente religioso, volle moralizzare i costumi dei sudditi, colpendo con gravi pene quelli che non osservavano le prescrizioni ecclesiastiche, ottennendo così l’appoggio della Chiesa, alla quale concesse onori e privilegi. Ingrandì il regno con la conquista della Pomerania e i territori limitrofi. Ucciso nel 1086, assieme al fratello Valdemaro nella chiesa di Sant’Albano a Odense, sull’isola di Fionia(Fyn), fu proclamato santo nel 1101 durante il pontificato di Pasquale II ed è il patrono della Danimarca dove, nel 14° secolo, gli è stata dedicata una chiesa a Odense.

ENRICO di Uppsala
nato verso il 1100 in Inghilterra, arrivò in Svezia e dove nel 1153 divenne vescovo di Uppsala. Recatosi anche in Finlandia ad annunciare il Vangelo, verso il 1156 fu ucciso da un contadino che aveva scomunicato. Sulla sua tomba si dice siano avvenuti miracoli. Patrono della Finlandia.

GENNARO martire in Africa, assieme a Germana, Geronzio e Pia.

GERMANA martire in Africa, assieme a Pia e compagni

GERONZIO martire in Africa assieme a Pia, Saturnino, Successo e altri compagni.

MACARIO il grande. Ricordato anche il 15 gennaio.

MARIO di Persia
di origine persiana, martire a Roma sulla Via Cornelia, nel 270, assieme alla moglie Marta(v.) e due figli. Furono sepolti nel cimitero “Ad Nymphas”.

MARTA di Persia 
moglie di un nobile persiano di nome Mario(v.). Si convertirono entrambi al cristianesimo, vendettero i loro beni e andarono a Roma per assistere i cristiani perseguitati. Scoperti e denunciati nel 270, furono condannati a morte e mentre Mario subì la decapitazione, Marta venne affogata.

PIA    
è commemorata assieme a un gruppo di africani, Gennaro, Germana, Geronzio, Saturnino e altri, martiri forse sotto Diocleziano.

SATURNINO   
martire in Africa con Gennaro, Geronzio, Germana, Giulio, Paolo e Pia.

SUCCESSO    
martire in Africa assieme a Germana, Pia e molti altri compagni di fede, durante la persecuzione di Decio(249-251).

VALDEMARO martire 
fratello del re di Danimarca Canuto IV, il santo, con il quale aveva diviso il regno, venne ucciso assieme a lui nella chiesa di Sant’Albano a Odense, sull’isola danese di Fionia (Fyn), nel 1086.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: