Tag Archives: Marcia

I santi del giorno del 2 luglio

2 Lug

ADEODATO
vescovo di Galliano, antica frazione di Eupilio in provincia di Como, tra il lago di Pusiano e quello del Segrino, vissuto nel 6° secolo.

ARISTONE
martire in Campania assieme a Egisto, Felicissimo, Giusto, Marcia, Sinforosa e Vitale.

BERNARDINO Realino
nato il 1° dicembre 1530 a Carpi, in provincia di Modena. Laureatosi in legge a Bologna, fu podestà a Felizzano, nel Monferrato e poi pretore a Castelleone in provincia di Cremona. Trasferitosi a Napoli, come fiduciario del marchese di Avalos, in seguito ad un’apparizione della Madonna nel 1564 si fece gesuita. Dieci anni dopo fu ordinato sacerdote e inviato a Lecce, dove svolse attiva opera di apostolato per 40 anni, predicatore carismatico e ricercato in Puglia e in tutta l’Italia Meridionale. Autore di alcune “Lettere Spirituali”, morì a Lecce città della quale è patrono assieme a Oronzo, il 2 luglio 1616.

EGISTO
martire in Campania assieme ad Aristone Giusto Marcia e altri compagni.

EUGENIA Joubert beata.

FELICISSIMO
martire in Campania, assieme ad Aristone e molti altri compagni.

GIUSTO martire in Campania assieme a Sinforosa e compagni.

LIDANO martire.

LONGINO di Marsiglia martire.

MARCIA
martire in Campania assieme ad Aristone, Egisto, Felicissimo, Giusto, Sinforosa e Vitale.

MARTINIANO soldato martire assieme a Processo.

OTTONE von Mistelbach
nato nel 1061, da una nobile famiglia, nel 1102 fu nominato vescovo di Bamberga, nell’Alta Franconia, dall’imperatore Enrico IV. Nella lotta per le investiture favorì la pacificazione tra l’impero e il papato contribuendo alle decisioni del concordato di Worms del 1122. Difensore della libertà ecclesiastica delle diocesi, fondò molte chiese e conventi, estendendo la sua azione anche ad altre zone, celebrò vari sinodi, promosse la riforma di Hirsau, in Germania e anche nuovi ordini religiosi. Dal 1124 al 1127, svolse un’importante opera missionaria in Pomerania, storica regione tedesca, che attualmente è incorporata quasi interamente nella Polonia, tornando poi alla sede vescovile dove morì il 30 giugno 1139. Sepolto nel monastero di San Michele è stato elevato all’onore degli altari da Clemente III nel 1189.

PROCESSO di Roma
uno dei militari che custodivano gli apostoli Pietro e Paolo, nel carcere Mamertino. Subì il martirio assieme a Martiniano.

SIMEONE Salos eremita egiziano del 6° secolo.

SINFOROSA di Campania martire assieme a Marcia.

SVITUNO di Winchester vescovo di Winchester, in Inghilterra.

VITALE martire in Campania con molti compagni.

I santi del giorno del 5 giugno

5 Giu

ADALARO di Dokkum
martire, vittima dei Frisoni il 5 giugno 754, a Dokkum in Olanda, assieme a Bonifacio di Magonza. Patrono di Erfurt, città della Turingia, in Germania.

APOLLONIO  martire in Egitto.

BONIFACIO di Magonza
nato nel 673 a Dover nell’Hampshire, ex regno del Wessex, in Gran Bretagna. Si chiamava Vinfrido (Wynfrith), ma dopo i 40 anni prese il nome di Bonifacio. Entrò molto giovane nel monastero benedettino di Exeter, nella contea del Devon, studiò e divenne professore. Quando fu ordinato sacerdote si dedicò all’attività missionaria e compì numerosi viaggi tra le popolazioni celtiche del continente. Nel 719 partì per la Germania a predicare il Vangelo e questa missione gli procurò l’appellativo di “Apostolo della Germania”. Nel 722 venne consacrato vescovo a Roma da Gregorio II, che dieci anni dopo lo nominò arcivescovo con funzione di Vicario papale per la Germania. Nel 745 gli fu affidata la sede di Magonza(v) e allora fondò le 4 diocesi della Baviera, rinnovò chiese in Turingia, Franconia e riformò il clero. Nel 751 si ritirò nel monastero di Fulda (v), fondato dall’abate benedettino Sturmio nel 744, ma poi quasi ottantenne riprese l’attività missionaria in Frisia (v) alla quale aveva consacrato la vita. Il 5 giugno 754 venne massacrato dai Frisoni pagani con 50 compagni, a Dokkum sul Mare del Nord in Olanda, mentre stava amministrando il Sacramento del Battesimo. Il corpo fu riportato a Fulda, oggi il maggior centro cattolico della Germania dove abitualmente si riuniscono i vescovi tedeschi.

CIRIA martire a Cesarea, assieme a MARCIA, VALERIA e ZENAIDE.

CIRIACO di Perugia martire sotto Decio, con FIORENZIO, FAUSTINO, GIULIANO, MARCELLINO e altri compagni.

EOBANO di Dokkum
vescovo anglosassone, martire nel 754 a Dokkum, sul Mare del Nord in Frisia, assieme al monaco benedettino e compagno di apostolato, Bonifacio, che lo aveva consacrato vescovo di Utrecht. Molto istruito nelle Letture, è stato anche giudicato un magnifico predicatore.

FERDINANDO il costante o FERNANDO
nato il 29 settembre 1402 a Santarem, in Portogallo , figlio di madre inglese e di Giovanni I duca di Viseu, in Brasile. Gran maestro dell’Ordine di Aviz, con il fratello Enrico il navigatore, partecipò alle guerre del 1437 contro i Mori d’Africa in Marocco. Fatto prigioniero, fu tenuto in ostaggio, costretto a lavorare come uno schiavo, passando gli ultimi quindici mesi della sua vita al buio. Morto il 5 giugno 1443 a Fez, in Marocco, il corpo fu trasportato a Lisbona nel 1465 e l’anno seguente venne santificato da Paolo II.

FRANCO da Perugia
missionario domenicano italiano, morto nel 1333, fondatore di un convento in Crimea per la conversione dei Tartari. Vicario della Congregazione dei Fratres Peregrinantes d’Oriente, nel 1318 fu eletto arcivescovo di Soldania, in Persia.

IGOR martire in Russia nel 1147, in italiano, Gregorio.

PACIFICO Ramati
detto “di Cerano”, nato a Novara nel 1424. Ordinato sacerdote francescano, divenne un predicatore molto popolare, tanto che Sisto IV lo inviò in Sardegna per indire una crociata contro i Turchi e qui rimase poi, eletto Provinciale dell’Ordine. È morto a Sassari nel 1482, lasciando un pregevole manuale per i confessori chiamato, la “Somma Pacifica”.

SANCIO di Cordova martire in Spagna, nell’851.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: