Tag Archives: isabella

I santi del giorno del 4 giugno

4 Giu

CLATEO di Brescia vescovo di Brescia, martire a Milano.

FRANCESCO Caracciolo
nato il 13 ottobre 1563 a Villa Santa Maria, in Abruzzo di famiglia nobile. Ordinato sacerdote a 22 anni, svolse il ministero a Napoli e fu il principale collaboratore di Agostino Adorno nella redazione delle costituzioni dell’ordine dei Chierici Regolari Minori, dediti a vita attiva, con l’assistenza agli infermi, carcerati e condannati a morte, che fu approvato da Sisto V, nel 1588. Nel 1591 divenne superiore generale dell’Ordine e fondò diverse case religiose in Spagna. Morì ad Agnone, Campobasso, il 4 giugno 1608 e fu canonizzato da Pio VII nel 1807.

GUALTIERO di Ascoli abate nel Piceno, vissuto nel 12° secolo, martire.

ISABELLA di Sicilia
suora clarissa, figlia del marchese siciliano di Gibellina, morta nel 1530.

METROFANE vescovo di Costantinopoli.

OTTATO di Milevi
vescovo in Numidia, nel 4° secolo. Autore di un trattato polemico contro il vescovo Parmeiano, opera in 7 libri, basata su materiale documentario, che è il primo scritto cattolico contro il donatismo, precedente a quelli di Agostino d’Ippona.

QUIRINO martire a Roma nel 309.

QUIRINO di Siszeck
vescovo di Siszeck, oggi Sisak, in Croazia. Una antica passio, confortata anche da una testimonianza di S.Girolamo, racconta che fu arrestato dal console Massimo perché si rifiutava di sacrificare agli dei romani, sotto Diocleziano. In prigione riuscì a convertire il suo carceriere Marcello e allora venne trasferito a Savaria, città dell’odierna Ungheria, ma nemmeno qui riuscirono a farlo apostatare. Fu così, riportato nella sua città dove subì il martirio, gettato nella Sava con una pietra al collo.

ROBERTO d’Uzès
nato nel 13° secolo a Uzès, presso Avignone, in Francia. Era un sacerdote che predicava la penitenza e nel 1292, entrato nei Domenicani di Avignone, venne assegnato al convento di Carcassonne. Più tardi fu inviato a predicare in tutta la Francia e poi anche in Germania e Italia. È morto a Metz, nel 1296, tornando dal Capitolo del suo Ordine, che si era tenuto a Strasburgo.

RUTILO martire in Ungheria.

SATURNINA di Hersee
vergine martire, leggendaria patrona del monastero di Hersee, nei pressi di Paderborn in Germania.

SATURNINA martire in Africa, sotto Settimio Severo.

SOFIA martire egiziana.

Annunci

I santi del giorno del 27 aprile

27 Apr

ANTIMO di Nicomedia
vescovo martire in Bitinia sotto Massimiano nel 4° secolo.

CATERINA da Pallanza
nel 1454 si unì a un gruppo di donne che conducevano vita eremitica sul Sacro Monte di Varese, in solitudine e penitenza, secondo la regola di Sant’Agostino e sperimentò una singolare esperienza di comunione con Cristo crocefisso. È morta nel 1478.

ELISABETTA Vendramin
nata il 9 aprile 1790 a Bassano del Grappa. Dedicatasi all’assistenza di un gruppo di orfane, fondò le Suore Terziarie Francescane Elisabettine di Padova e aprì una prima “casa di educazione gratuita”, per ragazze povere e abbandonate. Molto scrupolosa nella formazione spirituale e professionale delle sue religiose, in linea con le necessità del tempo, tutta la sua vita è stata una continua opera di assistenza per il prossimo più bisognoso. È morta il 2 aprile 1860. Ricordata anche il 2 aprile.

GIULIANA
compagna di vita eremitica di Caterina da Pallanza, sul Sacro Monte di Varese, dove morì nel 1501. È stata un grande esempio di profonda umiltà.

ISABELLA di Todi
Isabella Clara Fornari, beata superiora delle Francescane di Todi, nel 18° secolo.

LIBERALE di Altino
una tradizione leggendaria del 10° secolo, lo dice discepolo del vescovo Eliodoro e suo coadiutore nell’opera di conversione di pagani e ariani. Fu anche lui vescovo di Altino, in provincia di Venezia e morì verso il 410 circa. Patrono di Castelfranco Veneto che gli ha dedicato il Duomo.

OSANNA di Cattaro beata di Cattaro, in Jugoslavia, morta nel 1565.

SIMEONE di Gerusalemme
figlio di Cleofa, uno dei due discepoli di Emmaus, forse parente di Gesù. Capo della comunità di Gerusalemme dal 62, dopo il martirio di Giacomo il Minore, come è scritto nella Storia ecclesiastica dello storico Eusebio di Cesarea, 2° vescovo della città, eletto all’unanimità dagli apostoli e discepoli ancora in vita. Il suo episcopato durò fino al 105 quando, secondo la tradizione, venne denunciato e subì il martirio, torturato per molti giorni e poi crocifisso all’età di 120 anni, sotto Attico, console della Giudea, al tempo dell’imperatore Ulpio Traiano. Ricordato anche il 18 febbraio.

TERTULLIANO o TULLIANO, vescovo di Bologna, morto nel 470.

UMBERTO vescovo.

ZITA di Lucca
nata nel 1218 a Monsagrati, frazione del comune di Pescaglia, in Toscana e morta a Lucca nel 1278. Dalla poverissima famiglia ebbe un‘educazione al senso del dovere e alla modestia, ma dall’età di 12 anni per tutta la vita, fu costretta a fare la domestica in casa dei signori Fatinelli a Lucca, dove si distinse per altruismo, sopportazione degli sgarbi degli altri servi e tanta mortificazione di se. Tutto quello che aveva lo donava ai poveri. Il suo culto, molto antico tanto da essere citato da Dante Alighieri (Divina Commedia 21° canto Inferno), è stato poi approvato verso il 1696 durante il pontificato di Innocenzo XII. È stata proclamata “celeste patrona” delle collaboratrici domestiche.

I santi del giorno del 22 febbraio

22 Feb

GAIO martire in Frigia, assieme ad Alessandro.

ISABELLA di Francia
nata a Parigi nel 1225, figlia del re Luigi VIII e di Bianca di Castiglia, sorella minore di Luigi IX, il santo. Orfana di padre poco dopo la nascita, fu educata cristianamente dalla madre che si occupò anche della sua istruzione nelle scienze e nelle arti. Assieme al fratello e al papa Innocenzo IV, la incoraggiò ad accettare il matrimonio con Corrado IV, figlio dell’imperatore Federico II, perchè questo poteva essere molto vantaggioso per la Francia e la Chiesa, nella speranza di ottenere la pacificazione tra le regioni italiane. Volle invece consacrarsi interamente a Dio e dopo la morte della madre, entrò nel monastero delle Clarisse di Longchamp, che aveva fondato lei stessa nel 1259 e al quale Urbano IV aveva dato una regola meno rigida di quella di Santa Chiara. Non prese l’abito e non fece la professione religiosa, ma con grande umiltà, si ritirò nel chiostro del convento, dove morì il 23 febbraio 1270. Nel 1521 Leone X ne approvò il culto, che poi nel 1696, Innocenzo XII estese a tutto l’Ordine francescano. Come ELISABETTA è festeggiata il 31 agosto.

MARGHERITA da Cortona
nata nel 1247, nei pressi di Castiglione del Lago Trasimeno, Perugia. Di umili origini contadine, rimase presto orfana di madre e il padre, Tancredi di Bartolomeo si risposò, ma la nuova moglie fu una cattiva matrigna per Margherita che, stanca di subire maltrattamenti, all’età di 18 anni andò a Montepulciano a vivere con il nobile Arsenio, nel suo castello come concubina. Rimase con lui circa 10 anni ed ebbe anche un figlio, ma quando l’amante venne assassinato, si pentì della sua vita e si convertì. Educò cristianamente il figlio e nel 1277 fu accolta nel Terz’Ordine Francescano a Cortona, dove si dedicò solo alla preghiera e alle opere di carità. Più tardi diede vita a una congregazione di terziarie chiamate le “poverelle” e nel 1278 fondò un ospedale, la Casa di Santa Maria della Misericordia, tuttora esistente. Morta a Cortona il 22 febbraio 1297, il suo corpo incorrotto è conservato in un’urna d’argento in stile gotico, nella chiesa di Santa Margherita, edificata tra il 1856 e il 1897, sul luogo dov’era il santuario fondato da lei. Canonizzata nel 1728 da Benedetto XIII, è una delle sante più popolari dell’Italia Centrale.

PAPIA di Gerapoli
nato in Frigia, discepolo di Giovanni apostolo e compagno di Policarpo, vescovo di Gerapoli. Intorno al 130, scrisse una Spiegazione delle Parole del Signore, opera esegetica in 5 libri, della quale purtroppo restano solo pochi frammenti, che però dal punto di vista storico sono molto importanti, come esempio dell’insegnamento orale degli apostoli e dei discepoli. Secondo un’incerta tradizione subì il martirio a Pergamo, in Misia.

PELLEGRINA di Nicomedia martire assieme a Regina.

REGINA di Nicomedia martire assieme a Pellegrina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: