Tag Archives: gaio

I santi del giorno del 22 aprile

22 Apr

AITALA  martire in Persia con MAREA vescovo e compagni

APELLE discepolo di Gesù, martire a Smirne, con LUCIO.

BIAGIO di Verona vescovo.

CAIO papa o GAIO
originario della Dalmazia, forse parente di Diocleziano, fu eletto il 17 dicembre 283. Combattè il manicheismo ma, anche se il suo pontificato durò ben 13 anni, di lui ci sono pochissime notizie. Sembra sia morto martire il 22 aprile 296 e sia stato sepolto nelle catacombe di Callisto, sulla Via Appia Antica, come è testimoniato da un’epigrafe ritrovata recentemente

DANIELE di Lodi martire.

LIMENA di Persia
sacerdote martire assieme a LUCA, MUZIO e PARMENIO nel 3° secolo.

LEONIDA martire
padre di 7 figli, tra i quali il famoso Origene, fu decapitato sotto l’imperatore Settimio Severo, nel 202.

ONOFRIO
martire di Fabriano, ricordato in una chiesa della città marchigiana intitolata al suo nome.

RADOLFO di Vicoigne
beato, priore dei Premostratensi di Vicoigne e abate del monastero di Chateau de Mortaigne, nel dipartimento dell’Aisne, in Francia.

TEODORO il Siceota vescovo di Anastasiopolis, in Galazia, morto nel 613.

SOTERO papa
figlio di Concordio, nato a Fondi, antica città fra Lazio e Campania, oggi in provincia di Latina. Eletto nel 166, successore di Aniceto, governò la Chiesa per 9 anni ed è ricordato dalle testimonianze di Dionigi di Corinto e Ignazio d’Antiochia, citate dallo storico Eusebio di Cesarea, come un pontefice ricco di benevolenza verso il prossimo e di grande carità. Martire nel 175, durante la persecuzione di Marco Aurelio, ebbe una prima sepoltura in una tomba presso quella di San Pietro. Più tardi venne traslato nelle catacombe di Callisto, ma nel 9° secolo fu spostato varie volte e dopo altre peregrinazioni, sembra che le spoglie siano giunte perfino in Spagna. Oggi dovrebbero essere nella chiesa romana di San Sisto sulla Via Appia.

VIRGINIO di Cherasco
legionario romano martire, patrono di Cherasco, in provincia di Cuneo

 

I santi del giorno del 22 febbraio

22 Feb

GAIO martire in Frigia, assieme ad Alessandro.

ISABELLA di Francia
nata a Parigi nel 1225, figlia del re Luigi VIII e di Bianca di Castiglia, sorella minore di Luigi IX, il santo. Orfana di padre poco dopo la nascita, fu educata cristianamente dalla madre che si occupò anche della sua istruzione nelle scienze e nelle arti. Assieme al fratello e al papa Innocenzo IV, la incoraggiò ad accettare il matrimonio con Corrado IV, figlio dell’imperatore Federico II, perchè questo poteva essere molto vantaggioso per la Francia e la Chiesa, nella speranza di ottenere la pacificazione tra le regioni italiane. Volle invece consacrarsi interamente a Dio e dopo la morte della madre, entrò nel monastero delle Clarisse di Longchamp, che aveva fondato lei stessa nel 1259 e al quale Urbano IV aveva dato una regola meno rigida di quella di Santa Chiara. Non prese l’abito e non fece la professione religiosa, ma con grande umiltà, si ritirò nel chiostro del convento, dove morì il 23 febbraio 1270. Nel 1521 Leone X ne approvò il culto, che poi nel 1696, Innocenzo XII estese a tutto l’Ordine francescano. Come ELISABETTA è festeggiata il 31 agosto.

MARGHERITA da Cortona
nata nel 1247, nei pressi di Castiglione del Lago Trasimeno, Perugia. Di umili origini contadine, rimase presto orfana di madre e il padre, Tancredi di Bartolomeo si risposò, ma la nuova moglie fu una cattiva matrigna per Margherita che, stanca di subire maltrattamenti, all’età di 18 anni andò a Montepulciano a vivere con il nobile Arsenio, nel suo castello come concubina. Rimase con lui circa 10 anni ed ebbe anche un figlio, ma quando l’amante venne assassinato, si pentì della sua vita e si convertì. Educò cristianamente il figlio e nel 1277 fu accolta nel Terz’Ordine Francescano a Cortona, dove si dedicò solo alla preghiera e alle opere di carità. Più tardi diede vita a una congregazione di terziarie chiamate le “poverelle” e nel 1278 fondò un ospedale, la Casa di Santa Maria della Misericordia, tuttora esistente. Morta a Cortona il 22 febbraio 1297, il suo corpo incorrotto è conservato in un’urna d’argento in stile gotico, nella chiesa di Santa Margherita, edificata tra il 1856 e il 1897, sul luogo dov’era il santuario fondato da lei. Canonizzata nel 1728 da Benedetto XIII, è una delle sante più popolari dell’Italia Centrale.

PAPIA di Gerapoli
nato in Frigia, discepolo di Giovanni apostolo e compagno di Policarpo, vescovo di Gerapoli. Intorno al 130, scrisse una Spiegazione delle Parole del Signore, opera esegetica in 5 libri, della quale purtroppo restano solo pochi frammenti, che però dal punto di vista storico sono molto importanti, come esempio dell’insegnamento orale degli apostoli e dei discepoli. Secondo un’incerta tradizione subì il martirio a Pergamo, in Misia.

PELLEGRINA di Nicomedia martire assieme a Regina.

REGINA di Nicomedia martire assieme a Pellegrina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: