Tag Archives: fiorenzo

I santi del giorno del 23 maggio

23 Mag

ANNONE di Verona 
vescovo della città dal 751, in occasione di una grave carestia, fece traslare da Trieste le reliquie dei santi Firmino e Rustico, ristabilendone il culto. È morto nel 780

BASILEO martire in Spagna assieme al vescovo Epitacio.

DESIDERIO di Langres 
3° vescovo di Langres, nell’Alta Marna, chiamato dai francesi Didier. Di origine italiana proveniente dalla Liguria, della sua vita si conosce piuttosto poco, secondo la testimonianza di Atanasio di Alessandria, si sa della sua presenza al Concilio di Sardica del 343. Martire durante un’invasione barbarica, mentre cercava di difendere il popolo al tempo di Giuliano l’Apostata. (361-363)

EPITACIO di Spagna vescovo martire

EUFEBIO o EFEBO 
8° vescovo di Napoli, vissuto alla fine del 3° secolo. Gli furono attribuiti numerosi miracoli.

FIORENZO di Norcia monaco morto nel 540 circa.

GIOVANNA A. Thouret  
Giovanna Antida, nata il 27 novembre 1765, a Sancey-le-Grand, nei pressi di Besancon, in una famiglia di contadini. Nel 1799 entrò tra le Figlie della Carità a Parigi e sotto la protezione di Vincenzo de’Paoli, scrisse le costituzioni di un nuovo istituto, le Suore della Carità di Besancon e nel 1810 aprì una casa a Napoli, dove visse per 16 anni. Questo istituto che si diffuse molto anche nel resto d’Italia e venne approvato da Pio VII nel 1819, fu invece fortemente ostacolato dal vescovo di Besancon. Morta il 24 agosto 1826 nell’istituto fondato a Napoli, è stata canonizzata nel 1934 da Pio XI.

GIOVANNI B. de’ Rossi 
Giovanni Battista, nato nel 1698 a Voltaggio, in provincia di Alessandria. Dopo l’ordinazione sacerdotale, nel 1721 e si trasferì a Roma, dove la sua azione pastorale fu tutta rivolta ai poveri e agli ammalati negli ospizi della città, visitando spesso anche i carcerati, portando loro parole di conforto e inviti alla penitenza. Morì a Roma il 23 maggio 1764.

MERCURIALE vescovo e patrono di Forlì.

I santi del giorno del 11 maggio

11 Mag

ACHILLE  martire a Roma assieme a BASSO, FABIO e MASSIMO.

BASSO di Persia
martire ucciso dal padre, assieme alla sorella Susanna, all’eremita Longino e allo schiavo Stefano.

DIOCLEZIO di Osimo
discepolo di sant’Antimo, martire in provincia di Ancona agli inizi del 4° secolo, assieme a FIORENZO e al diacono SISINIO. Il suo sepolcro, assieme agli altri, è nella cripta del Duomo della città, dedicato a San Leopardo.

FRANCESCO de’Geronimo
nato a Grottaglie, Taranto, nel 1642. Valente predicatore gesuita, gli furono affidate le missioni popolari in Puglia, Abruzzo e Napoli. Fu promotore di molte opere sociali, avvalendosi dell’aiuto dell’Oratorio delle Missioni. Morì a Napoli nel 1716.

GANDOLFO di Varennes
martire nei pressi di Verdun, in Francia.

GUMBERTO di Reims
martire verso la fine del 7° secolo. Fratello di Nivardo, arcivescovo di Reims, aiutò la moglie Berta a fondare un monastero ad Avenay, presso Reims. Fu ucciso dai Frisoni, che era andato a evangelizzare.

IGINO di Ginevra vescovo.

IGNAZIO da Laconi
nato nel 1701 a Laconi, provincia di Nuoro, nono figlio di una famiglia povera, a vent’anni entrò come fratello laico nel convento cappuccino di Cagliari. Addetto ai servizi più modesti, svolse il suo apostolato sopratutto come questuante e frate cercatore per 45 anni, con tanto amore per poveri e peccatori, splendido esempio di umiltà e carità. Negli ultimi due anni di vita divenne cieco e morì a Cagliari l’11 maggio 1781. È stato beatificato da Pio XII nel 1940, che poi lo ha canonizzato nel 1951.

MAIOLO di Cluny
nato ad Avignone nel 906, morto nel 994 a Souvigny nell’Allier, in Francia. Arcidiacono di Macon, rifiutò il vescovado di Besancon e si fece monaco a Cluny nel 943, dove, dopo essere stato coadiutore, ne divenne il 4° abate. Viaggiò molto, visitò personalmente molti monasteri benedettini e introdusse la riforma cluniacense nelle abbazie di Germania, Lombardia e Svizzera. Gli fu dedicato il monastero di Pavia, attualmente archivio di stato.

NEPOZIANO di Altino
nipote di Eliodoro, vescovo di Altino, presso Venezia, militò per qualche tempo nell’esercito e poi si dedicò a vita ascetica. Fu amico di Girolamo di Stridone, che gli dedicò lo scritto “De vita Clericorum”, una guida alla retta condotta per i chierici. È morto nel 396.

PIETRO levita
diacono romano nato nel 540 e morto a Roma nel 605. Divenne monaco di Sant’Andrea al Celio, insieme a Gregorio Magno, dal quale fu molto stimato e che lo nominò amministratore pontificio in Sicilia e Campania, cardinale diacono e suo consigliere, inserendolo anche come interlocutore nell’opera “I Dialoghi”. Culto approvato nel 1868, durante il pontificato di Pio IX.

STELLA della Gallia
diminutivo di EUSTELLA, martire nella regione di Saintonge, in Gallia nel 3° secolo.

SUSANNA di Persia
figlia di un nobile persiano, assieme al fratello Basso fu affidata dal padre a un certo Stefano, prigioniero di guerra, perché fosse istruita ed educata. Stefano, che era cristiano, li educò nella fede di Gesù e poi li fece battezzare dall’eremita Longino. Quando il padre scoprì che erano diventati cristiani, cercò di convincerli ad abbandonare questa nuova religione ma non vi riuscì, e allora li uccise lui stesso, assieme a Longino e Stefano..

TIZIANO di Lodi
nato nel 421, eletto vescovo della sua città nel 474, morto il 1° maggio 476. Fino al 1727 la sua festa era celebrata il 4 maggio, ma poi è stata spostata all’11 maggio.

VELIO
diminutivo di “EVELIO” di Roma, martire nel 1° secolo

WALTER di Esterp
Gualtiero, nato verso il 990 in Aquitania. Si fece monaco nell’abbazia dei Canonici Regolari di Esterp dove in seguito divenne abate. Ricordato per la carità verso i poveri e per il ministero di confessore che svolse con molta passione, è morto l’11 maggio 1070.

I santi del giorno del 14 febbraio

14 Feb

ABRAMO, vescovo martire. Ricordato anche il 05 Febbraio

AGATONE e BASSIANO martiri.

CIRILLO Costantino
detto “Filosofo”, apostolo degli Slavi. Nato verso l’827 a Tessalonica, figlio di Leone, alto funzionario bizantino, venne battezzato Costantino. Educato a Costantinopoli, diventò professore di filosofia, ma dopo alcuni anni rinunciò a una brillante carriera politica e si ritirò nel convento di Olimpia in Bitinia, raggiungendo il fratello Metodio Michele (v.), dove ricevette gli ordini sacri. In seguito svolse la funzione di bibliotecario, segretario del patriarca a Santa Sofia, presso Costantinopoli. Nell’860 l’imperatore Michele III mandò i due fratelli, in Russia a nord del Mar Nero a convertire il popolo dei Cazari. Impararono la lingua, ottennero molte conversioni, ritrovarono le spoglie del papa Clemente I e le riportarono a Roma. Due anni dopo vennero mandati dal patriarca Fozio in Moravia a predicare anche qui la fede cristiana e la conoscenza della lingua slava fece loro avere nuovamente grandi successi. Qui Cirillo creò un alfabeto adatto alla fonetica slava, che gli consentì di fare molti seguaci e iniziare la traduzione delle Sacre Scritture con questi caratteri detti “Cirillici”. Alla fine dell’867, Niccolò I li chiamò a Roma, istigato dall’arcivescovo latino di Ratisbona, che li aveva aspramente attaccati per impedire la loro opera, con la pretestuosa accusa di eresia. Al loro arrivo però trovarono un nuovo pontefice, Adriano II, che invece di accusarli, li incoraggiò e permise loro anche l’uso del cirillico per la liturgia slava. Ammalatosi gravemente, fece appena in tempo a pronunciare i voti religiosi, prendendo il nome di Cirillo, che morì il 14 febbraio 869. Il luogo della sua presunta sepoltura è la basilica di San Clemente in Roma. Con il fratello Metodio, è stato proclamato patrono d’Europa da Giovanni Paolo II il 31 dicembre 1980.

FELICOLA di Roma
martire assieme a Vitale e Zenone, è onorata in un altare posto nella navata sinistra di Sant’Apollinare in Classe a Ravenna, chiesa consacrata nel 549 e dedicata al primo vescovo della città.

FIORENZO di Avellino
patrono di Avellino, martire con i santi Flaviano e Modestino.

METODIO Michele
nato a Salonicco nell’ 825, figlio di Leone, alto funzionario bizantino, fratello maggiore di Cirillo (v.). Dopo un brillante carriera nell’amministrazione bizantina, rinunciò alla vita pubblica, si ritirò nel monastero di Olimpia, in Bitinia, ma poi abbandonò la vita monastica per seguire il fratello, prima in una missione presso i Chazary e poi nella grande Moravia a evangelizzare gli Slavi. Collaborò con lui alla traduzione della liturgia greca e dei libri della Bibbia nella lingua slava, condividendone le vicissitudini. Nell’869, dopo la morte di Cirillo, fu ordinato arcivescovo di Sirmio, dove completò la traduzione in cirillico della Bibbia. Papa Adriano II lo inviò, come legato, nei paesi slavi, ma nell’870 venne arrestato e imprigionato per ordine dei vescovi tedeschi e fu liberato solo 3 anni dopo, dal nuovo papa Giovanni VIII, che gli rinnovò l’incarico. Nell’874 venne incolpato di aver battezzato, secondo la nuova liturgia slava il principe di Boemia, accusato di eresia e chiamato a discolparsi a Roma, ottenne l’approvazione del suo operato e fu destinato definitivamente in Moravia. Ma le continue difficoltà frappostegli dal clero tedesco, lo indussero a rifugiarsi a Costantinopoli per un certo periodo e solo negli ultimi anni della sua vita, poté farvi ritorno. È morto il 6 aprile 885, a Velehrad, in Moravia (dal 1993 Repubblica Ceca). Assieme al fratello, è stato proclamato patrono d’Europa da Giovanni Paolo II, il 31 dicembre 1980.

NOSTRIANO di Napoli vescovo martire.

VALENTINO di Roma
presbitero, assisteva i martiri durante le persecuzioni di Claudio II il Gotico. Arrestato, condannato e decapitato nel 270, sulla Via Flaminia nel luogo dove ci sono le catacombe che portano il suo nome, fu sepolto da una certa Sabinilla. Non si conoscono i motivi per i quali una tradizione popolare ne ha fatto il patrono degli innamorati, anche se una certa storia dice che questa festa risale al 14 febbraio 1465, quando il pontefice Paolo II autorizzò la distribuzione gratuita della dote nuziale alle giovani spose povere e così il santo ricordato in quel giorno fu eletto protettore dei fidanzati e futuri sposi.

VALENTINO di Terni
1° vescovo di Terni, arrestato e decapitato per ordine del prefetto Placido, nel 273, sulla Via Flaminia. Poche presunte ossa del santo dovrebbero essere conservate nella chiesa parrocchiale di Santa Cristina, in Val Gardena, donate, pare, da un ricco mercante, Johan Zaniter, nel 1763. Secondo alcuni, sono esistiti altri Valentino santificati e la loro storia si sarebbe fusa in uno solo. Per quanto riguarda comunque il protettore degli innamorati, ci sono varie leggende, una delle quali narra che il 14 febbraio era per tradizione il giorno dedicato allo scambio di fiori tra i fidanzati, per cui il santo di quel giorno diventò il loro protettore. Una credenza medievale dice che proprio il il 14 febbraio gli uccelli iniziano a preparare il nido (a metter su casa), perché sentono che è in arrivo la primavera. Noi pensiamo però che sia più valida la storia dell’altro Valentino celebrato sempre il 14 febbraio.

VITALE di Roma
martire assieme a Felicola e Zenone, venerato soprattutto a Spoleto.

ZENONE di Roma
martire assieme a Felicola e Vitale, prima sepolto nel cimitero di Pretestato, poi in quello di Santa Prassede.

I santi del giorno del 3 gennaio

3 Gen

ANTERO papa
pontefice per soli 43 giorni, dal 21 novembre 235 al 3 gennaio 236. Di origine greca, ma nato in Calabria, fu il successore di Ponziano e anche se nel “Liber Pontificalis” è indicato come martire, mancano notizie storiche sia della data come del luogo della morte. Morì comunque prima del suo predecessore, ancora vivente ma esiliato ai lavori forzati in Sardegna. La sua lapide sepolcrale è stata scoperta nel 1854, nelle catacombe di Callisto sull’Appia Antica.

CIRINO
martire assieme a Primo in Cilicia.

DANIELE o DANILO
diacono martire a Padova, nel 168. Quando il suo sarcofago fu ritrovato il corpo giaceva su una tavola di legno trapassato da numerosi chiodi.

FIORENZO di Vienne
vescovo martire in Francia, nel 275 circa.

GENOVEFFA (Genevieve)
nata nel 422 a Nanterre, presso Parigi, la sua storia è in parte leggendaria. Figlia di contadini, incontrò Germano d’Auxerre, che dopo averla benedetta, la consacrò a Dio Poi all’età di 15 anni preso il velo monacale, alla morte dei genitori venne accolta, a Parigi, dalla madrina e condusse vita ascetica ed edificante. Quando nel 451, gli Unni di Attila minacciarono Parigi, convinse gli abitanti a non fuggire, provvide in modo miracoloso ai rifornimenti e pregando, protesse la città salvandola. Le sono attribuiti molti miracoli e si dice anche che contribuì alla costruzione della basilica di San Dionigi. Alla morte, avvenuta il 3 gennaio 502, la città di Parigi le tributò riconoscimenti e onori, eleggendola sua patrona e deponendo il corpo in una tomba di pietra al centro della cripta della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, sulla collina che poi fu detta di Sainte-Genevieve, dove si trova ora il Pantheon. Il reliquiario, attribuito a sant’Eligio  veniva portato nelle processioni solenni durante le pubbliche calamità, ma fu distrutto e bruciato dai rivoluzionari nel 1793, con le ceneri gettate nella Senna. Pochi avanzi di ossa sono conservati a Saint-Etienne-du-Montluc. Patrona anche della Francia intera, è invocata contro la pioggia ma anche contro la siccità.

GORDIO centurione martire a Cesarea di Cappadocia, nel 304.

PIETRO Balsamo santo morto nel 311.

PRIMO,  TEOGENEZOSIMO, martiri in Cilicia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: