Tag Archives: Domezio

I santi del giorno del 7 agosto

7 Ago

ABELE di Reims
monaco benedettino nato in Irlanda, seguì Bonifacio in Francia e fu eletto vescovo di Reims, ma morì nel 751 ancora prima di prendere possesso della sua sede.

AGATANGELO beato.

ALBERTO da Trapani
nato a Trapani nel 1212, della famiglia Degli Abbati. Si fece carmelitano nel convento dell’Annunziata, alle falde del monte Erice. La sua famiglia era tra le più importanti del Regno di Sicilia e la sua presenza fece si che il cenobio divenisse un vero centro di spiritualità mariana. Divenuto Provinciale di Sicilia, convertì molti ebrei in tutta l’isola. È venerato in particolare Messina, dove è morto il 7 agosto 1307, perché, 6 anni prima, l’avrebbe rifornita miracolosamente di vettovaglie, durante l’assedio di Roberto, duca di Calabria. Culto approvato da Sisto IV, a partire dal 1476.

ATTONE di Vercelli
vescovo di Vercelli alla fine del 10 secolo. Combatté la simonia, lo scandalo dei preti fanciulli e difese le libertà ecclesiastiche contro il re d’Italia Berengario II (950-961).

CARPOFORO di Como
martire a Como, assieme a Cassio e molti altri compagni di fede.

CASSIO di Como
martire assieme a Carpoforo, Esanto, Licino, Secondo e Severino.

CLAUDIA di Roma
martire romana, convertita del 1° secolo, discepola di san Paolo, citata da lui nella seconda lettera a Timoteo, al capitolo 4, versetto 21. Una leggenda più tarda dice invece che era figlia di un re della Britannia.

DOMEZIO di Persia monaco martire.

DONATO di Arezzo
nato verso il 300, vescovo della città. Quando ebbe i genitori martirizzati da Diocleziano si rifugiò ad Atene a sostituirne il vescovo, ma quando tornò in patria venne fatto decapitare da Giuliano l’Apostata il 7 agosto 362. In un catalogo episcopale aretino dell’11° secolo, occupa il 2° posto dopo Satiro. I sui resti sono custoditi in un’arca di prezioso marmo bianco posta sull’altare maggiore del Duomo. Molto venerato dai Longobardi, che ne diffusero il culto presso i loro castelli, sembra abbia fondato una chiesa nel comune di Bertinoro(Forlì). Patrono di Arezzo, Pinerolo e Mondovì, città nella quale la Cattedrale, edificata a partire dal 1743, è stata intitolata a lui.

ESANTO martire a Como, con Cassio e compagni.

GAETANO di Thiene
nato a Thiene, Vicenza nell’ottobre 1480, dopo gli studi a Padova, nel 1516 fu ordinato sacerdote ed entrò nella curia romana sotto papa Giulio II. Più tardi lasciò la corte pontificia e fece parte della Compagnia del Divino Amore, prodigandosi in opere di bene, dedicandosi in particolare alla fondazione di Monti di Pietà e ospedali. Nel 1520 diresse la Compagnia a Vicenza, Verona, Venezia e dal 1523, anche a Napoli, contribuendo alla diffusione dell’Ordine, alla riforma del clero e lo sviluppo della beneficenza. Nel 1524, rinunciando a cariche e benefici, diede vita assieme al vescovo di Chieti, Gian Piero Carafa, futuro papa Paolo IV, ai “Teatini”, Congregazione di Chierici Regolari, con il programma di vivere come la prima comunità cristiana, esercitando il ministero sacerdotale senza benefici ecclesiastici e senza chiedere l’elemosina. Dopo il 1527, in seguito al sacco di Roma da parte di Carlo V, tutti i membri della congregazione dovettero lasciare la città e si trasferirono a Venezia. Nel 1528 una terribile peste li costrinse a dividersi in altre città, dove furono, insieme con i gesuiti, uno dei punti di forza della controriforma cattolica. Per la sua illimitata fiducia in Dio, è venerato come il santo della Provvidenza e “cacciatore d’anime”, per il costante impegno dedicato alla salvezza del prossimo. Morto il 7 agosto 1547 a Napoli, che gli ha dedicato una chiesa, è stato canonizzato da Clemente X, nel 1675.

ILARINO di Arezzo
monaco martire ad Arezzo con Donato, durante la persecuzione di Giuliano l’Apostata, le sue reliquie furono poi traslate a Ostia.

LICINIO o LICINO di Como
martire a Como, assieme a Carpoforo, Cassio, Esanto e Severino.

MAFALDA di Savoia
nata nel 1125 e morta nel 1157 a Coimbra. Figlia di Amedeo III conte di Savoia, nel 1146 sposò Alfonso I, il Conquistatore, re del Portogallo. Svolse pie attività e fece iniziare la costruzione della cattedrale di Oporto.

POPPONE di Bressanone
di origine bavarese, arcivescovo di Bressanone, in Tirolo e poi, dal 1019 al 1042, patriarca di Aquileia. Tra il 1021 e il 1031, fece restaurare la basilica di questa città, famosa per il suo prezioso pavimento a mosaico del 4° secolo, ma scoperto interamente solo da pochi anni. Il 17 luglio 1048 alla morte di Clemente II, venne designato papa direttamente dall’imperatore Enrico III di Franconia, il Nero, e prese il nome di DAMASO II. Il suo pontificato fu brevissimo perché, non sopportando il clima afoso di Roma e gli intrighi delle fazioni sempre in lotta tra loro, si trasferì nella rocca di Palestrina a una quarantina di chilometri dalla città e qui morì per un violento attacco di malaria il 9 agosto 1048, dopo soli 24 giorni di pontificato. Il suo sepolcro si trova nella chiesa di San Lorenzo fuori le Mura, al Verano.

SECONDO di Como
martire assieme a Carpoforo, Cassio Esanto, Licino e Severino.

SEVERINO di Como
martire assieme a Carpoforo, Cassio, Esanto, Licino e Secondo.

SISTO II papa
nato ad Atene, eletto il 30 agosto 257 dopo Stefano I, dovette intervenire nei contrasti fra la chiese Romana, Orientale e Africana del vescovo Cipriano di Cartagine. La controversia principale, sostenuta con molta vivacità da Cipriano, le cui posizioni si accordavano con quelle del papa, riguardava la validità dei battesimi amministrati dagli eretici. Lo stesso Cipriano afferma che il papa venne arrestato mentre celebrava una Messa al cimitero di Callisto e che subì il martirio, assieme ai suoi 4 diaconi, il 6 agosto 258, dopo soli 11 mesi dall’elezione, durante la persecuzione di Valeriano I. Fu sepolto sulla Via Appia Antica, nelle catacombe dello stesso cimitero.

VITTRICIO di Rouen
nato nel 330 e morto nel 410, nella sua città. Soldato romano pagano, si convertì e nel 385 venne nominato vescovo di Rouen. Evangelizzò tutta la diocesi e fu anche autore di uno scritto sul culto delle reliquie: “De laude sanctorum”, del 396.

Annunci

I santi del giorno del 23 marzo

23 Mar

ANNUNCIATA Cocchetti
Annunciata Asteria, nata a Rovato, in provincia di Brescia, il 9 maggio 1800. Rimasta orfana a 19 anni, seguì le missioni predicate al popolo e sentendo l’urgenza di un suo impegno vocazionale, aprì la sua casa alle ragazze abbandonate mettendosi al lavoro nell’oratorio parrocchiale. Divenne poi maestra a Cemmo, in Valcamonica e nel 1842 poté finalmente entrare tra le Suore di Santa Dorotea a Brescia. Tornata a Cemmo fondò un nuovo monastero dove morì il 23 marzo 1882.

AQUILA di Palestina
santo martire nel 4° secolo a Cesarea di Palestina, assieme a Domezio, Pelagia e Teodosio.

AVITO di Clermont
nato da una famiglia nobile, figlio di un senatore gallo-romano, ricevette un’accurata educazione letteraria. Eletto vescovo di Clermont-Ferrand nel 676, successore del martire Proietto, governò la diocesi fino al 689, quando, sentendo prossima la morte, si fece sostituire nel vescovado dal fratello Bonito, che era già vescovo anche di Marsiglia.

BENEDETTO monaco eremita in Campania, nel 6° secolo.

DOMEZIO 
il suo martirio avvenne nel 362 a Cesarea di Palestina, nella persecuzione di Giuliano l’Apostata, assieme ad Aquila, Pelagia e Teodosio. Arrestato, torturato e decapitato, perché si era scagliato contro il paganesimo, durante un’assemblea pubblica.

FRUMENZIO di Cartagine
martire con Vittoriano, proconsole romano in Tunisia.

MATILDE di Canossa
nata nel 1046, figlia del marchese di Toscana, Bonifacio e di Beatrice di Lorena, cugina dell’imperatore Enrico IV. Ereditò dal padre la Toscana, Brescia, Bergamo e Mantova, mentre dalla madre ebbe alcuni possedimenti nella Lorena Superiore. Nel 1063 sposò il cugino Goffredo II, il Gobbo duca di Lorena e in seconde nozze, Guelfo V di Baviera grande nemico di Enrico IV. La sua attività e le sue risorse furono tutte al servizio della Chiesa, alleata di Gregorio VII, lo ospitò a Canossa e nel 1077 fu testimone della celebre umiliazione di Enrico IV. Nel 1084 riuscì, con l’aiuto di Roberto il Guiscardo, a liberare il papa assediato a Roma e dopo la morte di Enrico IV, contribuì alla vittoria della Chiesa su Enrico V. Per testamento, nel 1102, lasciò i suoi beni alla Chiesa e questo provocò nuove lotte con l’impero che reclamava i domini di Matilde per diritto feudale. Morta nel 1115 a Bondeno, Ferrara, nel 1635 i suoi resti sono stati traslati in Vaticano, per ordine del papa Urbano VIII.

NICONE martire.

OTTONE di Riedenburg beato di Riedenburg nel Palatinato, in Germania

PELAGIA di Cesarea
martire in Palestina con Aquila, Domezio e Teodosio, nel 362 sotto Giuliano l’Apostata.

REBECCA Al Rayes
nata il 29 giugno 1832 ad Himalaya in Libano. Rimasta orfana di madre a soli 7 anni , appena undicenne andò a servizio in una famiglia di Damasco, in Siria. Quattro anni dopo, quando tornò a casa, trovò che suo padre si era risposato e i parenti cercarono di far sposare anche lei, ma Pierina, che era il suo nome di battesimo, nel 1853 entrò nel convento di Nostra Signora della Liberazione (Figlie di Maria), a Bifkaya come postulante. Dopo il noviziato pronunciò i voti, studiò da maestra e iniziò la sua missione di catechista-insegnante nei paesi di montagna. Nel 1860 in seguito agli attacchi ai cristiani da parte dei musulmani, riuscì a stento a fuggire e poi, lasciate le Figlie di Maria, tornò novizia nel monastero di San Simeone ad Aitou dove fece la solenne professione di fede nel 1872, prendendo il nome di Rafka (Rebecca) che era il nome della madre. Da qui in avanti la sua vita fu tutta una sofferenza, come una partecipazione alla passione di Gesù. Fortissimi dolori alla testa, forse dovuti a un’operazione sbagliata, poi la cecità totale e la paralisi alle gambe. Dopo aver passato più di vent’anni ad Aitou, fu trasferita nel monastero di San Giuseppe a Grabta, sempre nel Libano, dove è morta il 23 marzo 1914. Il processo per la canonizzazione, iniziato nel 1925, si è concluso nel 2001, quando Giovanni Paolo II ha proclamato la sua santità.

TEODOSIO di Palestina
martire a Cesarea assieme ad Aquila, Domezio e Pelagia nel 4° secolo.

TURIBIO de’ Mongrovejo
Turibio Alfonso nato a Leon, in Spagna, il 16 novembre 1538, studiò diritto prima a Valladolid e poi all’Università di Salamanca. Dopo essere stato Inquisitore laico a Granada, nel 1580 ricevette in una sola volta tutti gli ordini sacri e poi Gregorio XIII lo nominò vescovo di Lima, in Perù. Partì per il Sud America ardente di zelo apostolico e vi celebrò sinodi e concili, che promossero la vita religiosa in tutta la nazione. Difese con fermezza i diritti della Chiesa e si adoperò per il gregge che gli era stato affidato, visitandolo frequentemente, usando grande sollecitudine per il bene degli indigeni. Durante il suo lungo governo, durato fino al 1606, restaurò la disciplina ecclesiastica, eresse chiese e ospedali, istituì il primo seminario nel continente americano e convertì intere tribù. Morì a Sana il 23 marzo 1606, mentre tornava da una faticosa visita pastorale, in un lontano villaggio del Nord. Canonizzato nel 1726 da Benedetto XIII, è stato proclamato patrono del Perù e dell’America Latina.

VITTORIANO di Adrumento
proconsole di Cartagine, martire nel 484, durante la violenta persecuzione di Unnerico re dei Vandali ad Adrumento, antica città a sud-est di Cartagine. Sulle rovine di questa città è stata costruita l’odierna Susa o Sousse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: