Tag Archives: crescente

I santi del giorno del 18 luglio

18 Lug

ARNOLDO
musicista greco alla corte di Carlomagno, sepolto a Ginneswilre.

ARNOLFO di Metz
figlio di santa Oda, vescovo di Metz dal 614. Consigliere del re dei Franchi Dagoberto I, il Grande, considerato, in quanto padre di Pipino II di Hèristal, il progenitore della dinastia Carolingia. Arnolfo morì nel 640, nei Vosgi a Remiremont, sulla Mosella e gli è stata poi dedicata la basilica di Metz.

BRUNO d’Asti
nato a Solero d’Asti nel 1044, nel 1080 venne eletto vescovo di Segni,in provincia di Roma. Teologo, consigliere e sostenitore dei papi Gregorio VII, Urbano II e Pasquale II, combatté la simonia e le eresie. Divenuto poi abate a Montecassino, morì a Segni il 18 luglio 1123. Buon predicatore, liturgista e agiografo, ha lasciato molti scritti che rivelano una sicura dottrina, come i Commenti, opera di esegesi biblica e una Vita di Leone IX. In alcuni calendari appare anche come BRUNONE di Segni.

CADO
secondo una leggenda, monaco martire per non aver voluto abiurare la fede in Cristo.

CALOGERO di Sciacca
anacoreta di origine greca, da Costantinopoli venne in pellegrinaggio a Roma dove si fece monaco. Secondo una tradizione andò a evangelizzare le isole Lipari e poi, divenuto eremita, visse come un recluso su di un monte nei pressi di Agrigento. Di lui abbiamo solo notizie frammentarie, forse morì nel 485 ed è molto venerato in tutta la Sicilia.

CRESCENTE
martire con la madre Sinforosa e con i fratelli, nel 2° secolo.

ELIO di Capodistria
originario di Capodistria, fu prima discepolo di Ermagora, il 1° vescovo di Aquileia e poi quando questi subì il martirio, divenne diacono del suo successore, Nazario. Evangelizzò la regione di Capodistria e morì il 18 luglio di un anno imprecisato tra il 1° e il 2° secolo. Le sue reliquie, ritrovate nel 17° secolo, sono state poste sotto un altare nella cripta della Cattedrale della sua città (oggi Koper).

EMILIANO di Durostoro
martire di Durostoro, nell’odierna Romania, figlio del prefetto. Mentre un rappresentante di Giuliano l’Apostata, si trovava in città per restaurare i culti pagani, entrò nel tempio, abbattè la statua del dio Saturno e distrusse l’altare. Venne arrestato e bruciato vivo sulla riva del Danubio.

FEDERICO di Utrecht
nato verso il 780, nella Frisia occidentale. Ordinato sacerdote a Utrecht, vi fu eletto vescovo nell’825. Riorganizzò la diocesi e affidò al discepolo Odulfo la missione di evangelizzare la parte nord del territorio. Rimproverò l’imperatrice Giuditta per la sua immoralità e per questo fu perseguitato e ucciso, secondo un’incerta tradizione, nell’838 a Walcheren, sulla penisola di Zelanda nei Paesi Bassi, mentre celebrava la Messa. Un’altra tradizione lo dice invece martire a Maastricht il 18 luglio 838.

FILASTRIO di Brescia
scrittore ecclesiastico, morto verso il 397. Dopo aver peregrinato nell’impero  a Milano Roma, combattendo il paganesimo e l’eresia ariana, fu eletto 7° vescovo di Brescia. Partecipò al Concilio di Aquileia del 381 e fu in rapporto con Ambrogio vescovo di Milano. Le spoglie sono conservate, assieme a quelle del vescovo Apollonio, in un’arca nel Duomo Nuovo di Brescia.

GONERIO santo vissuto in Bretagna, nel 5° secolo.

MATERNO
7° vescovo di Milano, nel 4° secolo. Il suo episcopato, che sembra sia durato 12 anni, si colloca tra quello di Mirocle e quello di Protaso. È sepolto nella Basilica di Sant’Ambrogio a Milano.

RUFILLO di Forlimpopoli
1° vescovo di Forlimpopoli, dove fece costruire la prima cattedrale della città. Morì nel 382 e quando, nel 1362 Forlimpopoli venne distrutta, le sue reliquie furono trasportate a Forlì.

SINFOROSA di Roma
originaria di Tivoli, la passio la dice vedova del tribuno Getulio, anch’egli martire. Madre di 7 figli, subì il martirio tra il 117 e il 128, assieme alla famiglia, per ordine dell’imperatore Adriano, sulla Via Tiburtina, dove restano le rovine di una basilica dedicata a lei.

I santi del giorno del 27 giugno

27 Giu

ADELINO vescovo francese.

ADEODATO vescovo di Nola, morto nel 676.

ARIALDO Alciadi
nato a Cucciago di Cantù, nell’antico borgo di San Vincenzo nel 1010. Diacono, dopo un periodo di studi in Francia, assieme a Landolfo Cotta, Erlembardo e Anselmo da Baggio, fu uno dei più energici protagonisti del movimento milanese detto “Pataria”, che fiancheggiò la riforma morale della Chiesa, suscitando nel popolo il sentimento della necessità di un clero esemplare, immune da simonia e concubinato. Il suo principale avversario fu l’arcivescovo Guido da Velate, che lo scomunicò. Rapito da preti avversari, venne barbaramente ucciso su di un’isola del lago Maggiore, forse l’Isola Bella, il 27 giugno 1066.

BENVENUTO di Gubbio
era un nobile cavaliere, ma scelse la vita religiosa e nel 1222 fu accolto nell’Ordine di San Francesco, come fratello laico al servizio dei lebbrosi. Morto a Corneto, in Puglia verso il 1232, quando nel 1243, il borgo fu distrutto, le reliquie furono trasferite a Deliceto, nella diocesi di Bovino, in provincia di Foggia. Il culto venne confermato nel 1697 da Innocenzo XII, che lo estese a tutto l’Ordine francescano.

CIRILLO di Alessandria
nato nel 370, ad Alessandria d’Egitto, condusse vita monastica e quando fu ordinato sacerdote seguì lo zio Teofilo, patriarca vescovo della città e poi nel 412 gli successe nella carica. Sostenne la supremazia della Chiesa di Alessandria, su tutto l’Oriente, contro Nestorio patriarca di Costantinopoli, che fece deporre nel III Concilio Ecumenico(Efeso 431). Questo concilio decretò l esistenza della duplice natura umana e divina in Cristo Gesù e confermò il titolo di Theotokos, cioè Madre di Dio, per la Vergine Maria, perché, fu sostenuto, aveva dato alla luce il Figlio di Dio fatto uomo e Cirillo meritò così il titolo di “Difensore della Chiesa”. Autore di opere dogmatiche contro le eresie ariana e nestoriana, di molti trattati esegetici sull’Antico e Nuovo Testamento e di commenti al Pentateuco, ai vangeli di Giovanni e Luca, di un’apologia contro Giuliano l’Apostata, più circa 70 lettere di grande interesse. Morì nel 444 e fu proclamato Dottore della Chiesa da Leone XIII, nel 1882.

CRESCENTE di Vienne o CRESCENZIO
martire sotto Traiano. Discepolo di Paolo apostolo, venne inviato missionario prima in Galazia (v) e poi in Gallia, dove secondo un’incerta tradizione, fu il 1° vescovo di Vienne.

CRISPO vescovo.

FERDINANDO di Caiazzo
della famiglia d’Aragona, vescovo di Caiazzo, presso Caserta, in Campania.

LADISLAO I, il santo
nato in Polonia nel 1043, figlio di Bela I, re d’Ungheria. Regnò dal 1074, prima con il fratello Géza II e 3 anni dopo da solo. Dal 1085 al 1091 combatté valorosamente contro i Cumani, popolo di origine turca, che si era stanziato in Ungheria e la gloria acquisita gli permise di attuare una politica di espansione in Croazia e Slavonia. Fedele all’ortodossia gregoriana, il cristianesimo si affermò definitivamente nelle sue terre e fu il fondatore della sede vescovile di Zagabria. Morì il 29 luglio 1095, nei pressi di Neutra(oggi Nitra), in Slovacchia e fu canonizzato da Celestino III, nel 1197. Divenne il modello ideale del guerriero magiaro e intorno alla sua figura si formarono molte leggende.

LANCILLOTTO martire.

LANDELINO abate di Lobbes, morto nel 686.

LELIO martire in Spagna.

ROBERTO di Worms apostolo della Baviera e vescovo di Worms nel Palatinato-Renano, vissuto nel 7° secolo.

SANSONE di Costantinopoli sacerdote martire.

TOSCO martire in Spagna.

 

I santi del giorno del 10 marzo

10 Mar

ANDREA di Vallombrosa
discepolo di Arialdo, dopo il martirio del maestro, entrò a Vallombrosa e alla fine del 1085, fu eletto abate di Strumica, in Macedonia. Morto tra il 1097 e il 1106, è stato praticamente il co-fondatore dell’Ordine ed è anche ritenuto l’autore della Vita di sant’Arialdo e di quella di San Giovanni Gualberto.

ANETTO di Corinto
martire in Grecia con CRESCENTE, DIONISIO e altri tre compagni.

ATTALO di Bobbio
nato da una nobile famiglia, si fece monaco a Lerins, da dove passò a Luxeuil-les Bains, accolto da Colombano, che nel 612 lo portò con se in Italia. Dimorò nel monastero di Bobbio, fondato dal suo maestro, al quale successe come abate nel 615. Continuò con successo l’opera di conversione dei Longobardi e morì nel 627.

COLOMBA di Rimini vergine martire, protettrice di Rimini.

ELIANO martire a Sebaste, nel 320.

EMILIANO di Lagny
nato in Irlanda, si trasferì in Gallia, dove collaborò alla costruzione del monastero di Lagny, presso Parigi. Fu il primo abate di questo monastero dove sarebbe morto il 10 marzo 660.

EUGENIA di Gesù
Maria Eugenia Milleret de’Brou, nata il 26 agosto 1817 a Metz, in Francia. Fondò la congregazione delle Suore della Misericordia dell’Assunzione, per l’educazione delle ragazze. Morta a Parigi il 9 marzo 1898, è stata beatificata da Paolo VI, il 9 febbraio 1975, in occasione del Giubileo per l’Anno Santo e poi canonizzata da Benedetto XVI, il 3 giugno 2007.

GERALDO vescovo.

IMELIO o IMELINO vissuto nel Brabante (Paesi Bassi), nell’8° secolo.

MACARIO di Gerusalemme
vescovo di Gerusalemme dal 314, partecipò al Concilio di Nicea del 325, combattendo l’arianesimo e contribuendo alla stesura del Credo Niceno, o Professione di fede degli Apostoli. Sotto il suo episcopato venne iniziata la costruzione della basilica del Santo Sepolcro, sull’area del Calvario, che lui stesso era riuscito a riportare alla luce. Morì verso il 335.

OGILVIE John
nato nel 1580, nella Scozia calvinista, si convertì al cattolicesimo nel 1596 e tre anni dopo entrò nella Compagnia di Gesù, a Lovanio in Belgio. Divenuto sacerdote nel 1610, tornò in patria, sotto mentite spoglie e svolse un notevole apostolato missionario durante la persecuzione anticattolica, a Edimburgo. Sotto la protezione di William Sinclair, avvocato al parlamento, anche lui cattolico, potè celebrare la Messa e assistere, travestito, i cattolici nelle prigioni. Venne però arrestato a Glasgow nel 1614, condannato a morte per “lesa maestà” e impiccato nella primavera seguente. È stato beatificato nel 1929, da Pio XI e poi canonizzato da Paolo VI nel 1976.

PIETRO Geremia ricordato anche il 3 marzo.

PROVINO uno dei 40 martiri a Sebaste, in Armenia, nel 320.

TOVEO di Parigi diminutivo di DROTTOVEO, abate di Parigi 

UGOLINA de’Cazzanis vergine di Vercelli, eremita, vissuta nel 13° secolo.

VALENTE martire a Sebaste, nell’anno 320.

VIVIANO martire in Armenia, uno dei “Quaranta Martiri”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: