Tag Archives: calogero

I santi del giorno del 18 luglio

18 Lug

ARNOLDO
musicista greco alla corte di Carlomagno, sepolto a Ginneswilre.

ARNOLFO di Metz
figlio di santa Oda, vescovo di Metz dal 614. Consigliere del re dei Franchi Dagoberto I, il Grande, considerato, in quanto padre di Pipino II di Hèristal, il progenitore della dinastia Carolingia. Arnolfo morì nel 640, nei Vosgi a Remiremont, sulla Mosella e gli è stata poi dedicata la basilica di Metz.

BRUNO d’Asti
nato a Solero d’Asti nel 1044, nel 1080 venne eletto vescovo di Segni,in provincia di Roma. Teologo, consigliere e sostenitore dei papi Gregorio VII, Urbano II e Pasquale II, combatté la simonia e le eresie. Divenuto poi abate a Montecassino, morì a Segni il 18 luglio 1123. Buon predicatore, liturgista e agiografo, ha lasciato molti scritti che rivelano una sicura dottrina, come i Commenti, opera di esegesi biblica e una Vita di Leone IX. In alcuni calendari appare anche come BRUNONE di Segni.

CADO
secondo una leggenda, monaco martire per non aver voluto abiurare la fede in Cristo.

CALOGERO di Sciacca
anacoreta di origine greca, da Costantinopoli venne in pellegrinaggio a Roma dove si fece monaco. Secondo una tradizione andò a evangelizzare le isole Lipari e poi, divenuto eremita, visse come un recluso su di un monte nei pressi di Agrigento. Di lui abbiamo solo notizie frammentarie, forse morì nel 485 ed è molto venerato in tutta la Sicilia.

CRESCENTE
martire con la madre Sinforosa e con i fratelli, nel 2° secolo.

ELIO di Capodistria
originario di Capodistria, fu prima discepolo di Ermagora, il 1° vescovo di Aquileia e poi quando questi subì il martirio, divenne diacono del suo successore, Nazario. Evangelizzò la regione di Capodistria e morì il 18 luglio di un anno imprecisato tra il 1° e il 2° secolo. Le sue reliquie, ritrovate nel 17° secolo, sono state poste sotto un altare nella cripta della Cattedrale della sua città (oggi Koper).

EMILIANO di Durostoro
martire di Durostoro, nell’odierna Romania, figlio del prefetto. Mentre un rappresentante di Giuliano l’Apostata, si trovava in città per restaurare i culti pagani, entrò nel tempio, abbattè la statua del dio Saturno e distrusse l’altare. Venne arrestato e bruciato vivo sulla riva del Danubio.

FEDERICO di Utrecht
nato verso il 780, nella Frisia occidentale. Ordinato sacerdote a Utrecht, vi fu eletto vescovo nell’825. Riorganizzò la diocesi e affidò al discepolo Odulfo la missione di evangelizzare la parte nord del territorio. Rimproverò l’imperatrice Giuditta per la sua immoralità e per questo fu perseguitato e ucciso, secondo un’incerta tradizione, nell’838 a Walcheren, sulla penisola di Zelanda nei Paesi Bassi, mentre celebrava la Messa. Un’altra tradizione lo dice invece martire a Maastricht il 18 luglio 838.

FILASTRIO di Brescia
scrittore ecclesiastico, morto verso il 397. Dopo aver peregrinato nell’impero  a Milano Roma, combattendo il paganesimo e l’eresia ariana, fu eletto 7° vescovo di Brescia. Partecipò al Concilio di Aquileia del 381 e fu in rapporto con Ambrogio vescovo di Milano. Le spoglie sono conservate, assieme a quelle del vescovo Apollonio, in un’arca nel Duomo Nuovo di Brescia.

GONERIO santo vissuto in Bretagna, nel 5° secolo.

MATERNO
7° vescovo di Milano, nel 4° secolo. Il suo episcopato, che sembra sia durato 12 anni, si colloca tra quello di Mirocle e quello di Protaso. È sepolto nella Basilica di Sant’Ambrogio a Milano.

RUFILLO di Forlimpopoli
1° vescovo di Forlimpopoli, dove fece costruire la prima cattedrale della città. Morì nel 382 e quando, nel 1362 Forlimpopoli venne distrutta, le sue reliquie furono trasportate a Forlì.

SINFOROSA di Roma
originaria di Tivoli, la passio la dice vedova del tribuno Getulio, anch’egli martire. Madre di 7 figli, subì il martirio tra il 117 e il 128, assieme alla famiglia, per ordine dell’imperatore Adriano, sulla Via Tiburtina, dove restano le rovine di una basilica dedicata a lei.

I santi del giorno del 18 giugno

18 Giu

AMANDO di Bordeaux
fu istruito nella dottrina cristiana dal suo vescovo Delfino, al quale successe nelle funzioni, dal 404 al 432. Sembra abbia partecipato alla conversione e alla preparazione al battesimo di Paolino di Nola.

CALOGERO di Sciacca
anacoreta di origine greca, da Costantinopoli venne in pellegrinaggio a Roma dove si fece monaco. Secondo una tradizione andò a evangelizzare le isole Lipari e poi, divenuto eremita, visse come un recluso su di un monte nei pressi di Agrigento. Di lui abbiamo solo notizie frammentarie, forse morì nel 485 ed è molto venerato in tutta la Sicilia.

CIRIACO di Malaga martire assieme a Paola nel 4° secolo.

ELISABETTA di Schonau
nata nel 1129 e morta a Schonau im Schwarzwald, in Germania, nel 1165. Benedettina in un convento a Bingen, presso Magonza, nella Renania-Palatinato, ne divenne superiora nel 1157. Ebbe visioni ed estasi da lei trascritte in due opere, “Visiones” e “Revelationum.”

ERMA di Roma
uno dei Padri Apostolici, forse fratello del papa Pio I, vissuto nel 2° secolo. Autore di uno dei più celebri libri dell’antica letteratura cristiana, il Pastore, un trattato sulla necessità della penitenza, ritenuto da molti scrittura ispirata. Costituisce una preziosa testimonianza della vita religiosa della comunità cristiana di Roma del tempo ed è composto da 5 visioni, 12 precetti e 10 similitudini allegoriche, per ricondurre tutti i cristiani al ravvedimento.

EUFEMIA di Diessen
nata nei pressi di Monaco, figlia del conte Bertoldo di Diessen e sorella di Matilde(v.). Badessa del monastero di Altomunster fino alla morte, il 18 giugno 1180.

FORTUNATO il filosofo
vescovo molto erudito, soprannominato “il Filosofo”. Originario di Vercelli, amico di Germano di Parigi, si ritirò in Francia, dove morì nel 576.

GREGORIO Barbarigo
nato a Venezia il 16 settembre 1625, da una nobile famiglia. Dopo aver svolto varie attività diplomatiche e politiche, si fece sacerdote e divenne vescovo di Bergamo nel 1657, cardinale nel 1660 e poi anche vescovo di Padova, nel 1664. Attuò con vigore le riforme del Concilio di Trento e in tutta la sua attività si segnalò nella formazione dei sacerdoti per i quali fondò, sempre a Padova, un seminario con cattedre di lingue orientali più una stamperia poliglotta, dando grande incremento alla conoscenza della cultura orientale in Italia, tutto questo perchè era un appassionato sostenitore della riunificazione tra le Chiese d’Occidente e d’Oriente. Morto a Padova il 18 giugno 1697; beatificato da Clemente XIII nel 1761, è stato canonizzato da Giovanni XXIII, il 26 maggio 1960.

LEONZIO soldato martire.

MARCELLIANO e MARCO
martiri di Roma nel 286, sotto Diocleziano. Non esistono notizie sicure, ma si tratterebbe di due fratelli, figli del nobile Tranquillino, diaconi del papa Caio e seguaci di Sebastiano.

MARINA di Spoleto santa vissuta nel 1300 circa.

OSANNA Andreasi
vergine, monaca di Mantova, vissuta tra il 1449 e il 1505.

PAOLA di Malaga martire assieme Ciriaco.

SPECIOSA di Pavia
vergine martire nel 5° secolo, patrona dei coltivatori di rose.

I santi del giorno del 18 aprile

18 Apr

ALESSANDRO
nato nel 250, eletto vescovo e patriarca di Alessandria d’Egitto nel 31, convocò un sinodo provinciale per scomunicare l’eresiarca Ario che faceva parte del suo clero. Ordinò prima diacono e poi sacerdote Atanasio, con il quale ebbe una parte importante nel Concilio di Nicea del 325, il 1° ecumenico della storia della Chiesa, promosso dall’imperatore Costantino. Anche qui 250 vescovi condannarono la dottrina di Ario, proclamando che il Figlio è generato non creato ed è della stessa sostanza del Padre. È morto il 18 aprile 328, ma in Occidente la sua festa è il 26 febbraio.

AMADEO o AMEDEO
Joao da Silva y Menezes, nato nel 1425 a Ceuta. Monaco, confessore di Sisto IV, fu il fondatore dell’Ordine degli Amadeiti e del convento di Oreno, vicino a Vimercate. Fece anche erigere la Chiesa di Santa Maria della Pace a Milano, dove morì nel 1484.

ANZIA martire di Messina assieme a ELEUTERIO vescovo.

APOLLONIO di Roma
senatore di Roma, scienziato e filosofo, martire. Denunciato perchè cristiano, quando fu chiamato a discolparsi davanti al senato, invece di difendersi, pronunciò un’apologia del cristianesimo e nel 185 venne condannato a morte sotto l’imperatore Commodo.

CALOGERO di Brescia
convertitosi al cristianesimo subì il martirio ad Albenga nel 120 circa, sotto Adriano che fu imperatore dal 117 al 138.

GALDINO di Milano
nato nel 1096, a Milano, appartenente alla nobile famiglia dei Valvassori della Sala. Ordinato sacerdote, divenne prima cancelliere e arcidiacono e poi, nel 1156, arcivescovo e cardinale di Milano, successore di Uberto dei Pirovani. Combattè contro la setta dei Catari, che a Milano aveva fatto molti proseliti e sostenne la Lega Lombarda, contro l’imperatore Federico I, il Barbarossa, come delegato del pontefice. Contribuì molto alla ricostruzione della città devastata, praticamente rasa al suolo dallo stesso imperatore, sostenuto e incoraggiato del papa Alessandro III, che pochi anni dopo la sua morte, avvenuta nel 1176, lo proclamò santo.

GEBUINO di Lione
di nobile famiglia, nel 1077 fu consacrato vescovo di Lione da Gregorio VII. Sostenitore della riforma ecclesiastica, nel mezzo della lotta per le investiture, si scontrò con l’imperatore Enrico IV. Gravemente ammalato, morì nel 1081 e venne sepolto nella Chiesa di Sant’Ireneo. Nonostante questa chiesa sia stata poi distrutta durante la rivoluzione francese, la sua tomba è stata ritrovata intatta, nel 1824.

GIACOMO d’Oldo o JACOPO Oldi, beato terziario francescano, morto a Lodi, nel 1404.

IGINO Giordani
nato a Tivoli il 24 settembre 1894. Scrittore, giornalista, politico, ecumenista e patrologo, è considerato da Chiara Lubich co-fondatore del movimento dei “focolari” e indicato anche come l’uomo delle beatitudini. È morto il 18 aprile 1980 a Rocca di Papa, Roma e il 6 giugno 2004 è iniziato a Frascati il processo per la beatificazione, alla presenza dei suoi 4 figli e di Chiara Lubich stessa.

MARIA dell’Incarnazione
Barbara Acarie Avrillot, nata a Parigi il 26 febbraio 1565. Modello di moglie e madre cristiana, dopo la morte del marito, si fece monaca carmelitana prendendo il nome di Maria dell’Incarnazione ed ebbe ripetute esperienze mistiche. Dedicò gran parte della sua esistenza alla diffusione dell’Ordine in Francia. Morta il 18 aprile 1618, fu beatificata da Pio VI, nel 1791.

NICO di Besozzo eremita lombardo vissuto tra il 4° e il 5° secolo.

PERFETTO di Cordoba sacerdote martire in Spagna nel 9° secolo.

PIER LUCA beato.

SAVINA o SABINA Petrilli ricordata anche il 06 Aprile.

I santi del giorno del 11 febbraio

11 Feb

ADOLFO di Osnabruck
nato nel 1185 in Westfalia, figlio del conte di Tecklenburg. Dopo essere stato monaco cistercense, nel 1216 venne eletto vescovo di Osnabruck, in Prussia. Fondatore di numerosi conventi, fu anche chiamato l’elemosiniere dei poveri e dei lebbrosi, per la sua grande generosità. Morto il 30 giugno 1224, in Germania è festeggiato l’11 febbraio.

AMPELIO di Abitine
arrestato ad Abitine in Tunisia, assieme al sacerdote Saturnino, Dativo e molti altri compagni durante una celebrazione della Santa Messa, subì il martirio il 12 febbraio del 303 o 304.

CAEDMON di Whitby
benedettino, primo poeta cristiano inglese nel 7° secolo. La sola fonte delle poche e incerte notizie che abbiamo di lui, è Beda il Venerabile, nella sua “Historia Ecclesiastica”. Era un mandriano analfabeta che prestava servizio presso il monastero di Whitby, sul Mare del Nord e sarebbe divenuto poeta in seguito a una visione notturna, dopo la quale improvvisò un inno a Dio. La badessa di Hild lo accolse tra i suoi monaci, dai quali avrebbe appreso le storie bibliche che formarono il soggetto delle sue composizioni, scritte nel dialetto della Northumbria, tra il 658 e il 660. Queste parafrasi in versi di alcune parti della Bibbia, sono ritenute i più antichi testi anglosassoni esistenti. Morì verso il 670.

CALOGERO di Ravenna
vescovo di Ravenna, successore di Apollinare suo maestro, martire nel 3° secolo.

CASTRENSE
di origine africana, vescovo di Sessa Aurunca nel 5° secolo. Verso il 12° secolo le reliquie furono traslate a Capua, ma poi il duca Guglielmo il Buono, le trasferì definitivamente a Monreale, in Sicilia.

DANTE di Abitine
cristiano d’Africa, martire nel 4° secolo a Cartagine, assieme al senatore romano Dativo, Felice e al sacerdote Saturnino.

DATIVO di Abitine
martire nel 303, presso Cartagine. Rifiutatosi di consegnare le Sacre Scritture ai suoi persecutori fu ucciso, assieme a Dante e al sacerdote Saturnino.

DESIDERIO di Vienne
originario di Clermont, in Francia. Quando, verso il 595, divenne vescovo di Vienne ricevette diverse lettere da Gregorio Magno, ma nel 602 fu deposto dal Concilio di Chalon-sur-Saone per istigazione della regina Brunechilde. Dopo 4 anni venne restaurato nella sua dignità, ma siccome continuava a censurare la vita e la condotta immorale della regina, nel 608 fu di nuovo arrestato e ucciso.

ELOISA santa morta nel 1080.

EUFROSINA di Alessandria
nata nel 414 e morta nel 470. Poichè, secondo la leggenda, il padre voleva costringerla al matrimonio, visse per 38 anni, dal 432 al 470, sotto il falso nome di Smaragdo, con abiti maschili, in un monastero presso Alessandria. La città di Bologna vanta il possesso delle reliquie attribuite a questa santa.

GAUDINO santo di Soissons(v), morto nel 720.

GIONA monaco martire nel 7° secolo.

GREGORIO II papa
nato a Roma nel 669, prima di salire al pontificato il 19 maggio 715, aveva accompagnato a Costantinopoli, il suo predecessore Costantino e fu il 1° papa romano dopo una lunga serie di stranieri. Favorì l’evangelizzazione dell’Europa pagana, inviando nel cuore dell’ancora selvaggia Germania, in Sassonia e Turingia, il monaco inglese Winfrid, divenuto famoso e santo con il nome di Bonifacio, dopo averlo consacrato vescovo nel 722. Dopo vari contrasti con la Chiesa d’Oriente e l’imperatore Leone III, l’Isaurico, nel 728 il re longobardo Liutprando, presa Bologna e Sutri, donò quest’ultima alla Santa Sede ed è a questa donazione che si fa risalire l’origine giuridica dello Stato Pontificio e del potere temporale dei papi. Morto il 10 febbraio 731, fu sepolto in San Pietro e venne subito onorato come santo, per il sostegno dato al monachesimo e alle opere a favore dei poveri. Notevole è stata anche la sua opera giuridica e il riordinamento delle basiliche romane. Rimangono di lui una quindicina di “Lettere”, di importanza storica.

PASQUALE di Spagna martire.

PASQUALE I papa
secondo la tradizione apparteneva alla gens dei Massimi. Dopo essere stato abate benedettino di Santo Stefano Maggiore in Roma, fu il successore di Stefano IV, il 25 gennaio 817. Appena consacrato richiese e ottenne, da Ludovico il Pio, il riconoscimento dei domini temporali della Chiesa e il diritto di sovranità e giurisdizione su di essi. Nella Pasqua dell’823 consacrò Lotario, figlio dell’imperatore, designato re d’Italia e nello stesso tempo scomunicò Leone V I’Armeno, imperatore d’Oriente e gli iconoclasti da lui protetti. Fece eseguire notevoli opere di restauro nelle principali chiese romane e inviò l’arcivescovo di Reims, Ebbone a predicare la fede nello Jutland, in Scandinavia e in Danimarca, incoraggiando l’evangelizzazione dell’Europa settentrionale. Riportò in città molti corpi di cristiani defunti che fece conservare nelle chiese, per proteggerli dalle profanazioni dei pagani e ritrovò anche le reliquie di santa Cecilia riportandole nella sua chiesa in Trastevere. Morì l’11 febbraio 824, ma fu sepolto nella chiesa di Santa Prassede all’Esquilino solo nel mese di giugno, dopo l’elezione del suo successore Eugenio II, a causa delle proteste dei molti avversari.

SATURNINO di Abitine
sacerdote in Tunisia presso Cartagine, fu arrestato con altri 48 cristiani, fra i quali, Ampelio, Dativo e Felice, durante una celebrazione eucaristica. Il 12 febbraio 304, furono tutti interrogati sulla loro fede e tutti risposero che non potevano vivere senza celebrare il “giorno del Signore” e sopportarono con eroismo tutte le torture fino alla morte.

VITTORIA di Cartagine
appartenente a una famiglia pagana di Abitine, in Tunisia, fuggì di casa per evitare il matrimonio con un uomo scelto dai suoi genitori e si rifugiò presso un gruppo di cristiani, vivendo sotto la loro protezione con voto di verginità. Una domenica, mentre partecipava alla celebrazione eucaristica, fu arrestata, incatenata e condotta prigioniera a Cartagine. Gli atti del martirio dicono che nel 304 andò incontro alla morte come se andasse a una festa di nozze, assieme ai compagni Ampelio, Dante, Dativo e Saturnino.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: