Tag Archives: Amore

I santi del giorno del 9 agosto

9 Ago

ADEMARO o ADIMARO, vescovo sassone morto nell’815.

AMORE di Amorbach
monaco di Amorbach, in Germania, patrono delle acque ritenute medicinali.

BELINA di Nancy
martire francese di Lunéville presso Nancy, vissuta tra l’8° e il 9° secolo.

BENIGNO di Lanark
sacerdote nato e vissuto in Scozia, morto nel 436.

DOMIZIANO di Lione vescovo martire.

EDITH Stein
nata il 12 ottobre 1891 da una famiglia ebrea. Studiò filosofia a Gottingen e poi a Freiburg, in Germania dove divenne assistente di un celebre professore. Non era credente, ma aveva amici cristiani che le fecero leggere la biografia di santa Teresa d’Avila. Rimase così turbata che si convertì, fu battezzata il 1° gennaio 1922, ma continuò a insegnare e pubblicare articoli che la resero famosa, fino all’ottobre 1933, quando prese la decisione di farsi carmelitana a Colonia, prendendo il nome di TERESA BENEDETTA della Croce. Quando nel 1938 infuriò la persecuzione contro gli ebrei, venne fatta fuggire in Olanda, ma 4 anni dopo venne arrestata dalla polizia segreta nazista (Gestapo) e internata nel campo di concentramento di Auschwitz (Oswiecim in Polonia), assieme alla sorella Rosa. Uccisa il 9 agosto 1942 nella camera a gas, è stata canonizzata l’11 ottobre 1998, in piazza San Pietro, da Giovanni Paolo II che l’ha anche proclamata celeste patrona d’Europa assieme a Caterina da Siena e Brigida di Svezia.

ENZO di Toscana
martire assieme Marcelliano, Secondiano e Veriano.

FALCO eremita.

FAUSTINA di Roma
vergine martire assieme a Floriana, alle Acque Salvie sulla Via Laurentina, presso l’Abbazia alle Tre Fontane. È citata dallo storico della chiesa, Cesare Baronio e ricordata nel Martirologio del 5° secolo.

FERMO di Verona
martire assieme a Rustico. Una tradizione leggendaria li indica come un nobile e un contadino bergamaschi, martiri a Verona nel 303, mentre è più probabile si tratti di due martiri provenienti dal Nord-Africa. Verona ha dedicato loro la chiesa romanica di San Fermo Maggiore eretta nel 1065.

FLORIANA di Roma
è ricordata solo nel Martirologio Geronimiano, assieme a Faustina e lo storico della chiesa Cesare Baronio indica il loro sepolcro presso le Acque Salvie a Roma, sulla Via Laurentina, nei pressi dell’Abbazia Tre Fontane.

GIONATA
guerriero famoso, figlio primogenito del re Saul, amico di Davide, ucciso dai Filistei nella battaglia di Gelboè, nella Samaria. Davide compose per la sua morte uno dei più patetici cantici della Bibbia.

MARCELLIANO di Toscana
martire in Toscana, assieme ai santi Enzo, Secondiano e Veriano.

ROMANO di Roma
secondo la passio, era un soldato che, incaricato di sorvegliare la prigione dov’era rinchiuso il diacono Lorenzo, venne convertito da lui. Il Liber Pontificalis, lo dice invece ostiario martire, dopo essere stato flagellato, il 9 agosto 258, il giorno prima del martirio subito da Lorenzo.

RUSTICO di Bergamo
martire nel 303 a Verona assieme a Fermo.

SECONDIANO
martire in Toscana assieme a Enzo, Marcelliano e Veriano. A Chiusi, in provincia di Siena, nel 6° secolo è stata fondata una chiesa intitolata a lui, che poi verso la fine del 12°, il vescovo Teobaldo II fece ampliare, fino a divenire la nuova Cattedrale della città.

VARMONDO d’Ivrea
REMONDO d’Arborio, vescovo morto nel 1014. Durante il suo episcopato fece erigere la Cattedrale di Santa Maria, che poi divenne il Duomo della città.

VERIANO
martire in Toscana con i santi Enzo, Marcelliano e Secondiano.

Annunci

I santi del giorno del 22 luglio

22 Lug

AMORE di Amorbach 
monaco di Amorbach, in Germania, patrono delle acque ritenute medicinali.

CIRILLO vescovo martire nel 4° secolo.

GIROLAMO di Pavia vescovo.

GUALTIERO di Lodi  
nato verso il 1184. Dopo la morte del padre e l’entrata in convento della madre, vendette tutti i suoi beni e andò a prestare la sua opera in un ospedale di Piacenza. Sotto la giurisdizione del vescovo e aiutato da molti amici, fondò un proprio ospedale a Lodi, città che gli ha intitolato una chiesa, nella parrocchia omonima. È morto il 22 luglio 1224.

MADDALENA (MAGDA)  
Maria, personaggio del N.T. ricordata nei vangeli, nativa di Magdala, pochi chilometri a nord di Tiberiade (v). Era una delle donne che, con gli Apostoli, seguivano Gesù nelle sue peregrinazioni in Galilea e dal quale era stata liberata da sette demoni. Presente alla crocifissione e alla deposizione dalla croce, fu anche la prima testimone della risurrezione, ricevendo l’incarico di annunciarlo ai discepoli. Da alcuni Padri viene impropriamente identificata anche con l’anonima peccatrice pentita, della quale parla l’evangelista Luca, colei che nella casa di Simone il lebbroso profumò i piedi di Gesù, li bagnò di lacrime e li asciugò con i suoi capelli. Per l’umanità cristiana la sua figura rappresenta il simbolo della penitente e la liturgia latina la identifica anche con Maria di Betania, sorella di Lazzaro e di Marta, celebrandole con un’unica festa tutte e tre. Morta forse a Efeso usato anche per MILENA).

MENELAO abate in Alvernia, regione di Clermont Ferrand.

PLATONE di Ankara martire.

SINTICHE santa martire in Macedonia (v).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: