I santi del giorno del 14 giugno

14 Giu

ARTICO vescovo di Salisburgo.

BASILIO il Grande
nato nel 329 a Cesarea di Cappadocia (v). La sua famiglia, cristiana da diverse generazioni, vanta numerosi santi: il padre Basilio, la madre Emmelia o Amelia, la sorella Macrina, e i fratelli Gregorio di Nissa e Pietro di Sebaste. Studiò a Costantinopoli e poi ad Atene, dove ritrovò un suo condiscepolo di Cesarea, Gregorio di Nazianzo, al quale fu legato da grande amicizia per tutta la vita. All’età di 25 anni rientrò in Cappadocia e dopo aver ricevuto il battesimo, spinto anche dalla sorella Macrina che aveva già fondato un monastero femminile, decise di abbandonare il “mondo” per dedicarsi a vita ascetica. Lasciò la carica di insegnante di retorica e si recò in Oriente per studiare la vita degli anacoreti. Dopo aver venduto i suoi beni per darne il ricavato ai poveri, nel 358 si stabilì come eremita sul fiume Iris, nel Ponto e attrasse a se molti discepoli, che organizzò nel primo monastero dell’Asia Minore. Nel 362 fu ordinato sacerdote, ma nel 369 dovette abbandonare la solitudine essendo stato eletto al seggio episcopale della sua città di nascita. Moralista, oltre che teologo, fu un grande predicatore della carità, amico del popolo e dei bisognosi. Dettò le sue regole monastiche, ancor oggi seguite da moltissimi monaci orientali e si oppose ai vescovi ariani e all’imperatore Valente, che contestavano l’ortodossia trinitaria definita dal Concilio di Nicea del 325. Ha lasciato molti commenti alle Sacre Scritture, una vasta corrispondenza di circa 400 lettere, una trattazione sullo Spirito Santo per confutare l’arianesimo, tredici omelie sui salmi e un commento sull’Hexaemeron, trattato sui 6 giorni della Creazione di sant’Ambrogio. Morì il 1° gennaio del 379, a Cesarea di Cappadocia. Dottore della Chiesa e patriarca del monachesimo orientale.

CASTORA da Gubbio
Castora Gabrielli, nobile figlia del conte Pietruccio e di Elena. Fu sposata giovanissima a Santuccio, conte di San Martino, che si rivelò un marito violento e bestemmiatore. Solo dopo la morte del marito, poté donare i suoi beni ai poveri, si fece terziaria francescana e trascorse così tutto il resto della vita in penitenza e preghiera. Morì a Macerata nel 1391, ma fu sepolta nella chiesa francescana di Sant’Angelo in Vado, provincia di Pesaro Urbino.

DEGNA vergine martire di Cordova in Spagna.

ELISEO profeta
profeta d’Israele del 9° secolo a.C. Discepolo e successore di Elia, come è raccontato nel biblico Secondo Libro dei Re, ne ereditò in parte lo spirito profetico, rappresentato simbolicamente dal mantello lasciatogli dal maestro, prima di essere trasportato in cielo su di un carro di fuoco. Combatté per tutta la vita contro il diffondersi dell’idolatria, compì numerosi miracoli, come la risurrezione del figlio di una donna di Shunem, la guarigione del generale siriano Naaman, malato di lebbra, al quale impose di bagnarsi 7 volte nel Giordano, ecc. Consigliere del re d’Israele, fuori dalla sua patria si fece notare come strenuo difensore del culto di Jahvè. Morì intorno al 790 a.C. e riposa con il profeta Abdia, in un sepolcro che, secondo san Girolamo, “i demoni ne hanno orrore”, nei pressi della città di Samaria.

MARCIANO
secondo la tradizione sarebbe stato ordinato vescovo da Pietro apostolo e fu martire a Siracusa. Le spoglie sono conservate a Tiche, presso Siracusa, nella cripta della Chiesa di San Giovanni, proprio nel luogo dove avrebbe subito il martirio.

METODIO il Confessore
nato a Siracusa verso il 780 e morto a Costantinopoli nell’847. Ardente avversario degli iconoclasti, venne esiliato per 7 anni su di un’isola e quando nell’843 venne liberato, fu eletto patriarca di Costantinopoli e per celebrare la vittoria sugli iconoclasti, istituì la “Festa dell’Ortodossia”, tuttora esistente nella Chiesa Orientale. Ha lasciato vari scritti polemici, teologici, apologetici, agiografici, omelie e poesie.

QUINZIANO di Clermont
vescovo della sua città ai tempi del re Clodoveo I, tra il 5° e il 6° secolo.

RUFINO di Soissons
martire in Francia assieme a Valerio, durante la persecuzione di Massimiano Erculeo.

VALERIO di Soissons
martire in Francia, assieme a Rufino, durante la persecuzione di Massimiano Erculeo agli inizi del 4° secolo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: