I santi del giorno del 8 marzo

8 Mar

APOLLONIO di Antino
martire nel 311, ad Antino, antica città dei Marsi, oggi Civita d’Antino, in provincia di L’Aquila.

BEATA martire in Africa assieme a FELICITA

CATALDO
martire di Palermo, città che gli ha dedicato la chiesa omonima, fin dal 1160.

FELICE di Dunwich
vescovo di Dunwich, nel Suffolkshire, convertì Sigeberto re di East Anglia e con lui molti pagani della contea, nella capitale Ipswich. Morì nel 646.

GERARDO di Chiaravalle
cistercense, fratello di san Bernardo che seguì nel chiostro. È stato per molti anni dispensiere, a Clairvaux, in Francia, dove è morto nel 1138.

GIOVANNI di Dio
nato a Montemor-o-Novo, in Portogallo, l’8 marzo 1495. Si chiamava Joào Ciudad Duarte e dopo una vita varia e avventurosa, nella quale era stato di volta in volta, pastore, soldato, contadino e venditore ambulante, si convertì, affascinato dalle parole di Giovanni d’Avila. Prendendo il nome di Giovanni di Dio, ma senza essere né frate né prete consacrò la sua vita alla cura degli ammalati, creando un dormitorio per i più poveri. Nel 1537 fondò un ospedale a Granada, in Spagna, gettando così le basi dell’Ordine dei Frati Ospedalieri, chiamati in Italia, Fatebenefratelli, perchè il fondatore andava per le città, chiedendo l’elemosina per gli infermi, esclamando ad alta voce: “fate bene fratelli, per l’amor di Dio”. Nel 1540 fondò anche una piccola congregazione: i Fratelli della Misericordia, poi fece costruire un ospedale a Toledo e il 3 luglio 1549, rischiò la vita per salvare i degenti di quello reale, devastato da un incendio. Morto a Granada l’8 marzo 1550, beatificato l’8 marzo 1632 da Urbano VIII, fu poi canonizzato da Alessandro VIII il 16 ottobre 1690. Attualmente quest’ordine, diffuso in gran parte del mondo, è composto da religiosi che non prendono gli ordini sacri, ma sono tutti al servizio dell’umanità sofferente.

GIULIANO di Toledo
nato a Toledo dopo il 620 e morto nel 690. Forse di origine ebraica, letterato ed eminente teologo, creato arcivescovo di Toledo nel 680, vi presiedette ben 4 concili. Fu anche consigliere del re visigoto Ervige o Ervigio che lo aiutò molto nella lotta al monotelismo. Autore di scritti teologici di notevole importanza.

MONDO abate.

PONZIO di Cartagine
diacono in Tunisia, martire verso il 260. Discepolo del vescovo Cipriano, lo seguì nell’esilio e gli fu sempre vicino, specialmente durante la prigionia, assistendolo anche nel supplizio. Autore di un’opera apologetica intitolata “Vita di san Cipriano”, dal battesimo al vescovato, all’attività di pastore fino alla passione e morte.

QUINTILIO di Nicomedia vescovo martire nel 2° secolo.

ROGATO martire in Africa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: